21 Gennaio 1987, Bruce Springsteen introduce Roy Orbison nella Rock and Roll Hall of Fame


roy-orbison

Orbison venne presentato da Bruce Springsteen che pronunciò questo discorso:21 Gennaio 1987
Waldorf Astoria Hotel, N.Y.C.

“Una calda notte estiva del 1970 viaggiai per quindici ore nel retro di un camioncino per aprire un concerto di Roy Orbison al Music Fair di Nashville. Nel 1974, appena prima di entrare in sala di registrazione per le sessions di Born To Run, ascoltavo Duane Eddy e la sua chitarra, ascoltavo una collection di dischi prodotti da Phil Spector, ma soprattutto ascoltavo un’antologia di Roy Orbison, His All-Time Greatest Hits. Mi sdraiavo sul letto al buio con le sole spie dello stereo accese e lasciavo che i suoni di Crying, Love Hurts, Running Scared, Only The Lonely e It’s Over riempissero la mia stanza. A volte il r&r sviluppa un senso di comunità e amicizia, ma per me le ballate di Roy Orbison avevano più significato se ascoltate in solitudine e nell’oscurità.

Roy modificò la convinzione generale che per avere un hit bisognasse scrivere strofa/refrain/strofa/ refrain /bridge /strofa/refrain in successione. I suoi arrangiamenti erano complessi, avevano ritmi e movimenti come quelli di un’opera lirica; i suoi testi erano il lato oscuro delle favolette pop, davano i brividi, e la sua voce aveva un tono incredibile. Roy Orbison sembrava provenire da un altro pianeta, proprio come i grandi rockers, e aveva l’abilità di cogliere il significato delle cose più piccole, quelle che giungevano diritte al cuore; fu con quelle armi che mi aprì la mente, facendomi credere che la cittadinanza del New Jersey dove ero cresciuto fosse grande quasi quanto la sua musica. Ricordo sempre il momento conclusivo di It’s Over, quando tocca una nota incredibile, da fine del mondo. Io ero sdraiato sul letto, giurando a me stesso che non sarei più uscito, né avrei mai più parlato con un’altra ragazza. Proprio in quel momento la puntina saltava indietro alla prima canzone e…”pretty woman, I don’t believe in you, you’re not truth, no one would look as good as you…”. E fu in quel momento che io capii….. Oggi porto i suoi dischi con me quando sono in tour, ricorderò sempre ciò che Roy significò quando ero giovane e avevo paura di amare. Quando entrai in studio per registrare Born To Run, nel 1975, volevo costruire un disco che avesse i testi come quelli di Bob Dylan e suoni come nelle produzioni di Phil Spector, ma soprattutto volevo cantare come Roy Orbison. Ora tutti sanno che nessuno è capace di cantare come Roy Orbison”.

——————————————————————————–

Il commento di Roy Orbison: “Ero in piedi, al lato del palcoscenico, e pensavo che Bruce Springsteen dicesse, nel suo discorso: “Signore e signori, da-da-da…” E invece attacca quel discorso su di me e sulla mia musica e su come ne era stato influenzato. E io mi scioglievo mentre diceva quelle cose davanti a tutti. Ero davvero commosso. Sentivo che il mio lavoro era stato riconosciuto, quella sera, aveva una ragione di essere. “Valutato” è il termine esatto. Almeno quella sera, in quella sala. […] Ero rimasto tranquillo fino al momento in cui Bruce salì sul palco per il discorso. Poi disse quelle cose. Le aveva scritte, così gli chiesi:”Posso portare a casa il foglio?”.

~ di pinkcadillacmusic su 21 gennaio 2014.

Una Risposta to “21 Gennaio 1987, Bruce Springsteen introduce Roy Orbison nella Rock and Roll Hall of Fame”

  1. Un grande sfortunato sottovalutato artista!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: