14 Marzo 2005: Bruce Springsteen introduce gli U2 nella Rock n’ Roll Hall Of Fame


20th Annual Rock and Roll Hall of Fame Induction Ceremonies

Gli U2 furono ammessi nella Rock and Roll Hall of Fame nel corso di una cerimonia svoltasi il 14 marzo 2005 presso il Waldorf Astoria di New York. A presentare il quartetto irlandese al pubblico riunito nella maggiore sala dell’albergo, una personalità d’eccezione: Bruce Springsteen. Il Boss, che ha definito gli U2 “i custodi di alcune tra le migliori architetture soniche nel mondo del rock’n’roll”, ha poi scherzato dando dell'”irlandese matto” a Bono. Tra i due fu di fatto uno scambio di cortesie, visto che nel 1999 era stato Bono ad ammettere Springsteen alla Hall of Fame. Gli artisti, per poter essere ammessi nella Hall, devono aver pubblicato un disco almeno 25 anni prima della richiesta.

Il discorso di Bruce tradotto in italiano

Uno , dos , tres , catorce . Che si traduce “ uno, due, tre, quattordici”. Questa è la matematica corretta per una rock and roll band. Perché in arte, amore e rock and roll, il totale è sempre stato più della somma delle sue parti, altrimenti staresti solo strofinando due bastoncini per accenderti il fuoco. Una  grande rock band cerca lo stesso tipo di combustibile che ha alimentato l’espansione dell’universo dopo il big bang. Vuoi che la terra tremi e sputi fuoco, vuoi che il cielo si apra e che Dio spunti fuori. E’ imbarazzante avere queste aspettative così alte e aspettarsi così tanto dalla musica, ma a volte si verifica: Sun Sessions, Highway 61, Sgt. Peppers, The Band, Robert Johnson, Exile on Main Street, Born to Run, oops  volevo lasciarlo da parte… uh …. i Sex Pistols , Aretha Franklin , i Clash , James Brown , il potere di Public Enemy di It Takes a Nation of Millions to Hold Us Back. Questa è musica che sconvolge i poteri costituiti, e un bel giorno sconvolgerà l’universo e Dio stesso, se la starà ascoltando. E ‘ un grosso impegno per l’uomo e gli U2 appartengono a questo elenco.

Erano i primi anni ’80. Andai con Pete Townshend, che ha sempre fiutato prima di altri chi ci avrebbe  potuto soppiantare, in un locale di Londra. Ed eccoli lì: un giovane Bono, un autodidatta pioniere della triglia irlandese, Edge  – che razza di nome era? – Adam e Larry. Stavo ascoltando l’ultima band di cui io sarei mai in grado di nominare tutti i suoi membri. Davano uno spettacolo emozionante con un gran bel suono. Alzavano il livello. Dopo ci incontrammo… erano bravi ragazzi. Erano irlandesi, Irish. Ora, questa cosa avrebbe avuto un peso  enorme per il loro successo negli Stati Uniti. Gli inglesi certe volte mostrano una raffinata sensibilità per delle  cose rispetto alle quali noi irlandesi e italiani non ne abbiamo affatto. Noi entriamo direttamente nelle cose con il cuore e con i pugni. U2 … nel buio…un suono celestiale che, naturalmente, è il suono di un amore non corrisposto e di un desiderio – il loro più grande tema…la loro ricerca di un Dio, questa è stata una band che ha voluto dire qualcosa in questo mondo, ma ha occhi anche su quello successivo. Sono una vera band, ogni membro ha un ruolo vitale. Credo che in realtà realizzino una qualche forma di democrazia, veleno tossico nella testa di una band. In Iraq , forse. Nel rock, no. Sopravvivono ancora. Hanno innescato la bomba a orologeria che esiste nel cuore di ogni grande rock and roll band e che poi di solito esplode. Ma sembra che abbiano innata la comprensione della regola primaria del lavoro di una rock band: “Ehi, stronzo, l’altro ragazzo è più importante di quanto tu possa pensare!”. Sono un passo avanti e discendenti diretti dei grandi gruppi che hanno creduto che il rock possa scuotere le cose nel mondo, che hanno avuto il coraggio di avere fiducia nel loro pubblico, che hanno creduto che suonare al meglio  possa tirare fuori il meglio di te. Ora, tutto questo richiede follia e una mente calcolatrice. E necessaria inoltre una fede profondamente radicata nel lavoro che stai facendo e nei suoi poteri trasformatori. Gli U2 hanno voluto tutto questo e hanno costruito un suono e scritto canzoni che lo dimostrano. Sono custodi di alcune delle più belle architetture sonore nel rock and roll.

The Edge, Edge, Edge, Edge. Lui ( applausi ) è un raro e vero chitarrista e uno dei più sottili eroi della chitarra di tutti i tempi. Si è dedicato all’ensemble musicale e sussume il suo ego di chitarrista a favore del gruppo. Ma non fatevi ingannare. Prendete Jimi Hendrix, Chuck Berry, Neil Young , Pete Townshend – chitarristi che hanno definito il suono della loro band e il loro tempo.  Se tocchi la chitarra  alla loro maniera, avrai un suono come il loro. Se suoni con quelle ritmiche di due quarti, piene di eco, toccherai la chitarra alla Edge, figlio mio, ma te ne tornerai al tuo tavolo senza molta fortuna. Ci sono solo una manciata di chitarristi che possono creare un mondo con i loro strumenti e lui è uno di loro. La chitarra di The Edge crea enormi spazi e vasti paesaggi. E’ un suono emozionante e straziante che pende su di te come un cielo vacillante. E il prato dalla quale prende vita è intimamente spirituale, è una grazia ed è un dono.

Ora, tutto questo deve essere tenuto insieme da qualcosa. La profonda certezza del basso di Adam Clayton e la ritmica della raffinata batteria di Larry Mullen tengono insieme la band mentre la propulsione va avanti. E nella grande sezione ritmica degli U2 che la band trova la sua sessualità e la sua pericolosità. Ascoltate ” Desire “, o “She moves in Mysterious Ways”, il pulsare di “With or Without You”. Insieme, Larry e Adam creano l’elemento estatico che suggerisce la possibilità di un altro regno – quello sotto la terra e sotto la cintura – senza il quale nessuna grande rock band può definirsi tale. Ora, Adam mi da l’idea di un membro sofisticato e cattedratico. Lui crea non solo la stabilità musicale, ma anche quella fisica sul suo lato del palco. Il tono e la profondità del suo modo di suonare il basso hanno permesso alla band di passare dal rock alla musica dance e viceversa. Una delle prime cose che ho notato degli U2 era che sotto la chitarra e il basso, scorrono ritmi molto moderni. Piuttosto che una scala 2 e 4 , Larry suona spesso in modo molto sincopato, il che avvicina la band alla moderna dance texture. La batteria suona spesso alta e stretta e per poi oscillare verso il basso, e questo ha dato alla band un profilo unico e ha permesso alla loro rock textures di elevarsi dalla base ritmica. Ora Larry, ovviamente, oltre ad essere un batterista incredibile, porta il fardello di essere considerato “il bello ” della band, qualcosa che in qualche modo noi abbiamo trascurato nella E Street Band. Dobbiamo accontentarci di “carismatico “. Le ragazze amano Larry Mullen. Ho un assistente femminile che vorrebbe sedersi sullo sgabello della batteria di Larry. Anche un assistente uomo…. Abbiamo tutti le nostre croci da portare .

Bono….da dove comincio? Jeans designer, prossimo azionista della Banca Mondiale, venditore del ponte di Brooklyn – oh reggetevi , ha suonato sotto il ponte di Brooklyn, giusto! Prossimo azionista del franchising Bono Burger, dove saranno raccontate più di un milione di storie da un irlandese pazzo. Ora mi rendo conto che è uno sporco lavoro e qualcuno deve pur farlo. Ma non lasciare il tuo lavoro ancora, amico mio, sei abbastanza bravo a farlo. E guidare il gregge è quello che sai fare. La sua voce, una persona dal cuore grande e aperto …è un grande frontman. Contro i pronostici, non è magro come gli standard di sua madre, secondo l’archetipo di un ex tossico. Ha il fisico di un giocatore di rugby … beh , un ex giocatore di rugby . Uno sciamano , azzeccagarbugli, uno dei più grandi e complessi messianici nel rock and roll. Dio ti benedica, amico! Tra di noi ci capiamo, naturalmente. Vedete, ogni buon frontman irlandese e italiano -irlandese sa che prima di James Brown c’era Gesù .

Quindi tenetevi gli archi di McDonald sul palcoscenico, ragazzi, non siamo ironici. Siamo creazioni del cuore e della terra e delle stazioni della croce. Non c’è altro da aggiungere. E ‘dotato di una voce lirica e un bellissimo falsetto raro tra i grandi cantanti rock . Ma la cosa più importante, la sua è una voce attraversata da dubbi. Questo è ciò che rende grande il suo sound. E’ questo elemento del talento di Bono, insieme con la sua bella scrittura lirica, che dà alla musica celestiale degli U2 fragilità e autenticità. E’ nell’interrogarsi, nell’interrogarsi costante della voce di Bono, che la band dichiara la sua umanità e la sua vicinanza con noi. Ora la voce di Bono spesso suona come se stesse crescendo non al di sopra del suono della band, ma dal profondo del suo interno: “Eccoci, Signore, questo casino, nella tua immagine”.  Egli offre tutto questo con grande drammaticità e un sorriso occasionale che sembra dire “Baciami, io sono irlandese . ” E ‘ uno dei più grandi front men degli ultimi 20 anni. Ed è anche uno dei pochi musicisti a dedicare la sua fede personale e gli ideali della sua band al mondo reale,  in un modo che resta fedele alle originarie implicazioni del rock come strumento di libertà, di unione e di redenzione.

Ora i bei testi delle canzoni – “Pride (In The Name of Love),” “Sunday Bloody Sunday,” “I Still Haven’t Found What I’m Looking For,” “One,” “Where the Streets Have No Name,” “Beautiful Day” – ci ricordano il motivo per cui la band suona sempre. E ‘un repertorio incredibile. Nella loro musica, si sente la spiritualità come casa dell’anima e come ricerca. Come si fa a trovare Dio se non è nel tuo cuore, nel tuo desiderio, nei tuoi piedi? Credo che questo sia in gran parte ciò che ha mantenuto la loro band insieme tutti questi anni. Vedete, le band si formano per caso, ma non sopravvivono per caso. Ci vuole volontà, l’intenzione, un obiettivo comune e una tolleranza per la fallibilità dei tuoi amici e loro per la tua. E questo appiana le divergenze. Gli U2 hanno appianato non solo le divergenze, ma le hanno annullate continuando a fare il loro lavoro al meglio e rimanendo al top del loro gioco e delle classifiche per 25 anni. Sento una grande affinità per questi ragazzi come persone e come musicisti.

Beh, ero seduto sul divano in pigiama con il mio figlio maggiore. Lui guardava la TV. Stavo facendo una delle mie cose preferite: stavo contando tutti i soldi che ho perso nel corso degli anni, pensando a tutto il divertimento che avrei potuto avere con esso. Improvvisamente sento ” Uno, dos , tres , catorce ! ” Alzo gli occhi . Ma invece delle sagome degli aspiranti  hippie per la pubblicità dell’I POD, vedo i miei ragazzi [si riferisce alla pubblicità dell’IPod girata dagli U2]! Oh mio Dio ! Si sono venduti! Ora , quello che so dell’ l’iPod  è questo: si tratta di un dispositivo che riproduce la musica. Naturalmente, la loro nuova canzone sembrava fantastica e  i miei ragazzi stanno andando alla grande, ma mi sembra di sentire i passi del mio vecchio tecnico del suono Jimmy Iovine da qualche parte. Astuto, intelligente. Ora, personalmente, io vivo una vita follemente costosa che mia moglie tollera a malapena. Io brucio i soldi, il che richiede enormi quantità di flusso di cassa. Ma, ho anche una immagine ridicola di me che mi impedisce veramente di incassare (applausi). Potete capire il mio problema. Povero me . Così la mattina dopo, chiamo Jon Landau , o come mi riferisco a lui, “l’americano Paul McGuinness” e gli dico: ” Hai visto quella roba dell’ iPod? ” e lui dice: “Sì “. E poi: ” E ho sentito che non hanno preso soldi. ” E io: “Non hanno preso i soldi? ” e lui risponde:” No”. Ho aggiunto:” Intelligenti, astuti, ragazzi irlandesi. Chiunque, chiunque può fare un pubblicità e prendere i soldi …. Ma fare la pubblicità e non prendere i soldi … è intelligente, scaltro …. dico ” Jon, voglio che tu chiami Bill Gates o chi è dietro questa cosa e proponi questo: un iPod rosso, bianco e blu firmato da Bruce ‘The Boss’ Springsteen ….. Ma ricorda , non importa quanti soldi ti offre, non prenderli! “…. in ogni caso …. in ogni caso , dopo quella sera, per il mese successivo e oltre,  ho sentito la voce del mio figlio quattordicenne (che di recente è divenuta più bassa) che dalla camera, arrivava fin giù nell’ingresso cantando ”uno, dos, tres, catorce” la correttezza matematica per il rock and roll… Grazie, ragazzi ….

Questa band ha riposto la sua fede nel grande potere rigenerativo e ispiratore del rock and roll. Non è mai vacillato – solo un po’. Hanno creduto in se stessi, ma ancora più importante, hanno creduto anche in  te / U2 . Grazie Bono Edge, Adam e Larry. Prego, date il benvenuto agli U2 alla Rock and Roll Hall of Fame …. ‘

PINK CADILLAC

~ di pinkcadillacmusic su 14 marzo 2014.

Una Risposta to “14 Marzo 2005: Bruce Springsteen introduce gli U2 nella Rock n’ Roll Hall Of Fame”

  1. great speech, great performers and performances!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: