9 maggio 1974: la notte in cui Springsteen apre gli occhi a Landau e…al futuro del rock and roll


piano

9 maggio 1974: Bruce Springsteen all’Harvard Square Theater di Cambridge nel Massachussets apre il concerto di Bonnie Raitt. Tra il pubblico c’è il giovane ma già noto critico musicale  Jon Landau che, sconvolto da quanto ha assistito, di lì a poco sarà pronto a scommettere la sua credibilità professionale e, con il senno di poi, tutta la sua stessa vita sul destino di quel giovane artista.

Fu infatti questa  ormai leggendaria perfomance a spingere Landau a mettere nero su bianco quelle coraggiose parole -“Ho visto il futuro del rock and roll e il suo nome è Bruce Springsteen” e a giocare un ruolo decisivo nella carriera della futura star planetaria. piano4Una serata indimenticabile, in qualche modo “ricostruita” grazie alla registrazione della esibizione riemersa solo di recente che ha consentito di far luce su una delle notti più importanti della storia del rock, ma a lunghe velate da un certo mistero a causa di un nastro audio diffusosi in passato attribuito allo spettacolo sbagliato. In realtà quella stessa sera, si susseguono per un totale di circa 160 adrenalinici minuti  due distinti show di Bruce e di quel gruppo presentato per la prima volta in uno show audio come “The E Street Band” (nome definito appena poche settimane prima): il primo spettacolo dura circa un’ora con NEW YORK CITY SERENADE (13:44) / SPIRIT IN THE NIGHT (5:26) / I SOLD MY HEART TO THE JUNKMAN (5:09) (un pezzo del 1946 dei The Basin Street Boys e portata al successo da Etta James e Dinah Washington; quella sera viene suonata da Bruce nella versione  del 1961 delle The Starlets)/ DOES THIS BUS STOP AT 82ND ST (3:47) / IT’S HARD TO BE A SAINT IN THE CITY (4:01) / THE E STREET SHUFFLE (6:00) / KITTY’S BACK (13:28) (con un frammento di “Bright Lights , Big City” ) / ROSALITA (9:34) (più i due soundcheck  di THE E STREET SHUFFLE / DOES THIS BUS STOP AT 82ND ST).piano 1

Il second show, che dura circa 20-30 minuti in più, si apre con una lenta inedita intro di THE E STREET SHUFFLE e prosegue con la sequenza NEW YORK CITY SERENADE / SPIRIT IN THE NIGHT / BORN TO RUN (identificata  nell’articolo di Landau come “the song with the ‘Telstar’ guitar opening”) / 4TH OF JULY, ASBURY PARK (SANDY) / IT’S HARD TO BE A SAINT IN THE CITY / KITTY’S BACK / FOR YOU (con una perla: una splendida versione solista al piano) / ROSALITA / LET THE FOUR WINDS BLOW / TWIST AND SHOUT . Alcuni sostenevano che durante questo secondo show Bruce avesse suonato anche “Angel Blues “(proposta precedentemente solo il 10 marzo di quello stesso anno), altri narravano di “The Fever”(all’epoca suonata raramente e considerata nuova), o ancora di altri due pezzi inediti che Bruce stava ancora mettendo a punto: “A Love So Fine” e … “Jungleland”!

piano 2Quella sera tra il pubblico c’era anche Barry Schneier il fotografo per Windowpane , che ha catturato le immagini che riportiamo. Barry ricorda così quell’evento: “Verso la metà del secondo spettacolo, vidi Landau e decisi di sedermi ad ascoltare e prendermi una pausa dalle riprese. […] quando all’improvviso ho visto la E Street Band uscire dal palco verso la mia direzione, e ho pensato, ‘Perfetto, finalmente mi sono seduto e loro smettono di suonare!’ Ma lo spettacolo non era affatto finito. La band si fermò e proprio accanto a me Bruce si avvicinò sedendosi al pianoforte, tre piedi davanti a me e cominciò quella profonda, lenta For You.’ Beh, ho capito che era un grande… ho immediatamente ricaricato la mia macchina fotografica e fatto una serie di scatti, quelli che sarebbero divenuti i miei scatti più noti.”

Ma Schneier non era lì per caso. Il mese prima era già stato a uno show di Bruce al Charlie’s Place  [anche in quell’occasione c’era Jon Landau] e ne rimase così impressionato che chiese ai suoi promoters di prenotargli la serata per lo show successivo. In particolare, Ira Gold, uno dei promoters, era particolarmente interessato a realizzare una vetrina da destinare alle nuove promesse,per cui accettò senza riserve.

Il Real Paper di Landau, pubblicato il 22 maggio, confermò ciò che Barry Schneier aveva sentito. Come riporta Backstreets: Quando lo vidi al Charlie’s Place  un mese prima, la mia reazione è stata quella di chi non sapeva neanche che una musica come questa esistesse nell’universo. Così quando ho letto la recensione di Landau, è stato convalidato ciò che sentivo. Ho capito che non ero pazzo dopo tutto.”
piano 3

 

~ di pinkcadillacmusic su 9 maggio 2014.

3 Risposte to “9 maggio 1974: la notte in cui Springsteen apre gli occhi a Landau e…al futuro del rock and roll”

  1. Buongiorno pinkers, una domanda che non se se qualcuno vi ha già posto, la registrazione di questa celebre serata all’Harvard Square Theater di Cambridge nel Massachussets sarebbe reperibile in qualche modo, in qualunque modo?… Grazie

    Stefano

    Mi piace

  2. Life is so..destiny too….talent is amazing!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: