22 Maggio, Bruce Springsteen e Joe Grushecky and the House Rockers-Soldiers & Sailors Memorial Hall & Museum, Pittsburgh


Bruce Springsteen torna sul palco con Joe Grushecky e le Houserockers per uno stand di due notti (22 e 23 maggio) presso il Soldiers & Sailors Memorial Hall & Museum a Pittsburgh. I due concerti celebrano il 15° anniversario della pubblicazione dell’album di “American Babylon” di Grushecky, che ha visto nel 95 Springsteen come produttore.

La registrazione di quell’album salvò la carriera musicale di Grushecky, dal momento che il suo album precedente, “End of the Century”, era stato assolutamente ignorato dalla critica e dai fans. “Ero molto giù e fuori di testa,” rivelò Grushecky. “Per la prima volta nella mia vita, ero disgustato dalla musica … poi arrivò Bruce, produsse il disco intero per poi cantare, co-crivere due canzoni e andare in tour con noi. E’ stato un colpo importante che mi ha dato una seconda vita, e gli sono eternamente grato per questo”.

Lo show di ieri sera è stato straordinario e si è aperto con un breve set acustico di Bruce.  “Ciao, Pittsburgh, è bello essere di nuovo qui” ha detto entrando sul palco con la chitarra acustica, “Sono l’opener di Joe Grushecky”. Ha poi attaccato incredibilmente con “Mary, Queen of Arkansas”,  già questa una perla rara. Ma il pezzo più sorprendente è stato il secondo: “Two for the Road”, un brano registrato al suo studio di Thrill Hill nel febbraio 1987 e pubblicato nello stesso anno come B-side di Tunnel of Love, poi  incluso in Tracks del 1998. Era stato suonato solo quattro volte e al piano durante il Devils & Dust tour.  Chiude questo primo incredibile miniset con “Kingdom of Days” – introdotta da: “Questa è una canzone che parla del tempo, il tempo passa – peccato per questo” – offerto in una intensa versione acustica che sale fino al falsetto. Poi Bruce lascia la scena a favore degli Houserockers che si esibiscono con tre pezzi: “East Carson Street”- che dà il titolo all’album in cui è presente anche Bruce (chitarra su “East Carson Street” e “Broken Wheel,” e chitarra e voce su “Another Thin Line” )- , “John the Revelator “e “Somewhere East of Eden”.

Risale sul palco Bruce e insieme a Grushecky eseguono una setlist piena di riferimenti ai repertori di entrambi gli artisti.   Infatti dopo “Adam Raised a Cain”, è la volta di  “Never Be Enough Time,” un pezzo scritto da Joe Grushecky e pubblicato nell’album del 1995 American Babylon, prodotto, come è stato detto, tutto da Springsteen – ad eccezione  della title track – e nel quale Bruce ha preso parte nella registrazione della maggior parte delle tracce (in questo pezzo, in particolare, Bruce suonò la chitarra).  Segue Punping Iron- scritta da Joe Grushecky e pubblicata nell’album Have A Good Time But Get Out Alive! del 1980 – suonata insieme già in più occasioni.  Poi dei classici del Boss e ovviamente “Code of Silence”, scritta insieme tra il dicembre 1997 e il gennaio 1998, pubblicata da Bruce nella versione live nella sua  compilation The Essential Bruce Springsteen del 2003 (vincitrice del Grammy Award 2004) e poi da Grushecky nell’album A Good Life del 2006, in una versione in cui Springsteen condivide voce e  la chitarra.

Altri pezzi rari presenti nella setlist sono stati “Leaving Train” introdotta da Bruce come “una canzone mai suonata prima”, “Savin ‘Up ” scritta da Springsteen e registrata da Clarence Clemons & The Red Bank Rockers nel 1983. Il momento più divertente della serata è stato il duetto sulla nuova canzone di Grushecky “I Still Look Good For 60”, durante la quale Springsteen ha riso sul verso che parla di capelli grigi che spuntano dalle orecchie. Dopo un doppio colpo travolgente con Born to Rock e Light of Day, Bruce riprende la chitarra per un finale davvero incredibile che ha visto l’esecuzione struggente acustica di “The Wall” e di “Incident on 57th Street”. A stasera…

Setlist

Bruce Springsteen:
1. Mary Queen of Arkansas (Solo Acoustic)
2. Two for the Road (Solo Acoustic)
3. Kingdom of Days (Solo Acoustic) (VIDEO)

Joe and the Houserockers:
1. East Carson Street
2. John The Revelator
3. East of Eden

Bruce Springsteen:
4. Adam Raised A Cain (With Eddie Manion)
5. Never Be Enough Time
6. Racing in the Street (78)
7. Pumping Iron
8. Leap of Faith
9. I Still Look Good For 60
10. Darkness on the Edge of Town
11. Frankie Fell In Love (VIDEO)
12. Hearts of Stone (VIDEO)
13. Savin’ Up
14. Talking to the King
15. Leaving Train (VIDEO)
16. The Promised Land
17. Code of Silence
18. Born to Rock
19. Light of Day

  1. The Wall (Solo Acoustic)
  2. Incident on 57th Street (Solo Acoustic) (VIDEO)

11:10

~ di pinkcadillacmusic su 23 maggio 2014.

2 Risposte to “22 Maggio, Bruce Springsteen e Joe Grushecky and the House Rockers-Soldiers & Sailors Memorial Hall & Museum, Pittsburgh”

  1. …veramente “Two For The Road” è la QUINTA volta che viene eseguita dal vivo

    2005-08-01 – U.S. BANK ARENA, CINCINNATI, OH
    2005-08-11 – KEYARENA AT SEATTLE CENTER, SEATTLE, WA
    2005-11-17 – CONTINENTAL AIRLINES ARENA, EAST RUTHERFORD, NJ
    2005-11-21 – SOVEREIGN BANK ARENA, TRENTON, NJ
    2014-05-22 – SOLDIERS & SAILORS MEMORIAL HALL & MUSEUM, PITTSBURGH, PA

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: