HUNTER OF INVISIBLE GAME : il mini-film diretto da Bruce Springsteen


L’atteso cortometraggio che vede Bruce Springsteen, insieme a Thom Zimny, regista per la prima volta: Hunter of invisibile game, è finalmente online. Il mini-film, ispirato all’omonimo brano tratto dall’ultimo album del Boss, High Hopes, è disponibile sul sito ufficiale dell’artista.
Il video, lungo circa dieci minuti, mostra Springsteen (per la prima volta regista, ma a suo agio anche nelle vesti di attore) mentre vaga in alcun splendidi paesaggi americani, alle prese con i suoi demoni interiori. Al corto è allegato anche un testo di presentazione. «Grazie di cuore a tutti gli amici e i fan che ci hanno sostenuti durante il tour mondiale di High hopes», scrive Springsteen, il quale sottolinea «gli ultimi due anni e i quasi 170 show passati» che «ci hanno ricaricati». «Ci avete aiutato a far nascere una nuova e rivitalizzata E Street Band. Ci prendiamo questa pausa con un senso di gioia, nuovi propositi e con l’animo di portarvi il meglio nel futuro. Abbiamo ancora alcune sorprese per voi».
“Hunter of Invisible Game” è una lenta ballata, in cui persino lo straripante Tom Morello riesce a contenersi “limitandosi” a offrire suoni discreti e cadenzati, perfettamente in linea con il sound. Il video analogamente è scarno ed essenziale, la fotografia nitida e poetica, mai patinata. Ne scaturisce il film struggente e fortemente evocativo di un uomo reale, non da videoclip, dal volto bello perché vero, con le rughe e tutti i segni della sua vita; dalle mani sporche e indurite dalla fatica di chi combatte; dalla barba ispida e ingrigita che segna senza cura la misura del tempo che passa. Un uomo nel quale ti puoi rispecchiare per esorcizzare anche tu insieme a lui i tuoi demoni e le tue paure; per trascinarti anche tu insieme a lui a fatica “fuori dal fossato” e costruire l’arca per attraversare le tue tempeste; per risalire montagne e farti strada a fatica nella ricerca del senso di un’esistenza, scandita dal tempo che si ripete ciclicamente come in un suono di una ballata, come in una sequenza spesso spietata di cadute e risalite. Una canzone che ha la poesia di un salmo e l’inquietudine di una ricerca di ciò che è invisibile, ma che svela il suo unico senso, forse, solo alla fine,  in quell’atto di fede di  un “kingdom of love waiting to be reclaimed” .

~ di pinkcadillacmusic su 10 luglio 2014.

Una Risposta to “HUNTER OF INVISIBLE GAME : il mini-film diretto da Bruce Springsteen”

  1. Wow wonderful gift!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: