12 Maggio 2006: BRUCE SPRINGSTEEN – DATCH FORUM ASSAGO, MILANO


Accadde oggi!

Sì, d’accordo Bruce con la E Street Band è il massimo, l’incarnazione della perfezione artistica, dell’idea di affiatamento, sincronismo etc. etc. … aggettivi, sostantivi, avverbi e quant’altro non bastano a descrivere quello che succede sul palco con la full band! Ma…chi può dire di non essersi divertito nel Seeger Session’s Tour? A partire dal  Forum di Assago a Milano il 12 maggio del 2006, Bruce ci regalò un tour davvero memorabile (legato al disco We Shall Overcome: The Seeger Sessions) con ben 7 date italiane  (Bologna, Torino, Udine, Verona, Perugia, Caserta, Roma) che tra il 1º ottobre e il 10 ottobre ci portarono a percorrere la nostra penisola in lungo e in largo vivendo un’esperienza di immenso divertimento.

ticket milano 12-05-06

UNDICIMILA SPETTATORI PER SPRINGSTEEN, ACCOMPAGNATO DA UN’ ORCHESTRA CHE ATTRAVERSA I GENERI

Poesie del Boss, rock in panchina

Festa folk a Milano con la musica popolare di Seeger

MILANO – Arriva in scena il boss e al Forum è subito delirio. Ma soprattutto festa per undicimila spettatori. E negazione del rock, per qualcosa di totalmente diverso e accattivante. «E’ bello essere di nuovo qui a Milano» dice in un buon italiano, e aggiunge: «Siamo qui per divertirci». Dietro di lui come un presepe vivente l’ orchestra spettacolo di Bruce Springsteen, nata sotto il segno del patriarca della musica folk americana Pete Seeger, 87 anni, omaggiato dall’ artista nell’ album «We shall overcome, The Seeger sessions». La sua voce profonda e tagliente, carica di enfasi ed emozione, si muove agile fra gli archi di «Oh Mary Don’ t you weep», uno spiritual adottato dal movimento dei diritti civili: la sua voce, ma anche la sua chitarra, sono il perfetto baricentro di una fanfara multietnica di 17 elementi con robusta sezione di fiati (sassofono, tromba, trombone, basso tuba), quattro coriste, una schiera di strumenti a corda (banjo, chitarra battente, violini, chitarre acustiche, contrabbasso e violoncello). Accattivante come una banda paesana, affiatata come una «E Street band», essa ripropone con la direzione del maestro (che ha fatto richieste precise a ogni singolo elemento) una musica antica (alcuni motivi risalgono al XIX secolo) e apparentemente fuori moda in una chiave moderna, spumeggiante e dinamica, in cui i chiaroscuri sono dati dall’ alternanza e/o dall’ interazione di country, gospel e jazz dixieland. Nel viaggio ogni canzone ha una sua storia che qui Bruce sviscera molto meglio dello stesso autore Pete Seeger, il quale amava eseguirle personalmente in un contesto molto più minimalista. «Mrs McGrath» divenne famosa nel 1916 cone colonna sonora della rivolta di Pasqua, «John Henry» è la storia di un minatore che sfida la macchina scavatrice(e muore), «We shall overcome», la più famosa canzone di Pete Seeger, fu colonna sonora della protesta degli Anni ‘ 50 e ‘ 60, ma, ancor prima, delle proteste degli Anni ‘ 30, delle battaglie dei diritti civili, e pure della lotta dei clandestini reietti dei giorni nostri. Com’ è lontana la sua lettura dalla versione più mielosa che ne dette la Baez. Ciononostante il sussurrato non è nelle sue corde: meglio la durezza di «My Oklahoma Home», su chi scappava dalla carestia negli Anni ‘ 30. Inutile dire che le canzoni del repertorio non appartenenti all’ ultimo album (pochissime, fra cui «If I should fall behind», «Open all night», e, nei bis, «My City of ruins») vengono «piegate» e adattate al nuovo progetto secondo una tecnica di cui Bruce è assolutamente maestro in un gioco di contestualizzazione sempre magico. E’ passato poco tempo dal tour, si fa per dire «minimalista», di «Devils & Dust», che molti vedono in assoluta contrapposizione con quello in corso. Ipotesi che, usando come riferimento il sabba sonoro e i decibel di un brano come «Pay me my money down», non è campata in aria. In realtà questo show, organizzato da Barley Arts, ne rappresenta l’ ideale continuazione: un nuovo modo di dar corpo agli umori e alle ansie della società americana più progressista e sensibile, quella sconfitta da Bush. Dopo la rappresentazione diretta di una Nazione ferita («The Rising»), di una Nazione che si incattivisce di fronte al dolore («Devils & Dust»), qui si raccontano entrambe attraverso la storia dei tempi bui. E il rock resta in panchina. Per Bruce, come si è capito, il rock non è un dogma (ma per molti suoi fans sì). Nel finale, a sorpresa, annuncia: «Ci rivedremo in autunno». Non si sa se con questo o un altro show.

Luzzatto Fegiz Mario
(13 maggio 2006) – Corriere della Sera

Seeger Sessions” tour

12 Maggio 2006 – Milano – Forum Assago

  1. Jesse James
  2. O Mary Don’t You Weep
  3. Johnny 99
  4. John Henry
  5. Eyes On The Prize
  6. Old Dan Tucker
  7. Cadillac Ranch / Mistery Train
  8. Erie Canal
  9. My Oklahoma Home
  10. If I Should Fall Behind
  11. Mrs. McGrath
  12. How Can A Poor Man Stand Such Times And live?
  13. Jacob’s Ladder
  14. We Shall Overcome
  15. Open All Night
  16. Pay Me My Money Down
  17. My City Of Ruins
  18. Ramrod
  19. You Can Look (But You Better Not Touch)
  20. When The Saints Go Marching In
  21. Buffalo Gals

~ di pinkcadillacmusic su 12 maggio 2015.

Una Risposta to “12 Maggio 2006: BRUCE SPRINGSTEEN – DATCH FORUM ASSAGO, MILANO”

  1. …ehhhhh siamo tutti figli di zio Bruce…..!!!!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: