40 anni fa allarme bomba al concerto di Springsteen


Accadde Oggi!
bomb scare1

Un venerdì di giusto quarant’anni fa, il 2 ottobre 1975, Bruce Springsteen e la E Street Band debuttarono nel Milwaukee all’Uptown Theather – è il caso di dire – in modo davvero “esplosivo”! Infatti, dopo circa 40 minuti dall’inizio del concerto, il DJ della WQFM-FM Bob Reitman raggiunse Springsteen sul palco per avvisare i 1800 presenti di lasciare immediatamente la sala a causa di un allarme bomba. Il concerto riprese ben tre ore più tardi, con uno Springsteen che, sebbene completamente sbronzo, riuscì a portare aventi uno show straordinario fin oltre le due del mattino. Questo famoso concerto verrà ricordato attraverso un evento gratuito alla Shank Hall che si articolerà con racconti della serata, tributi musicali di artisti locali tra cui John Sieger e Dan Kolesari, e regali di posters ai partecipanti con immagini fotografiche realizzate da Robert Cavallo relative a quello show. Verrà inoltre trasmessa una registrazione del concerto. “A differenza di qualsiasi altro concerto cui avevo assistito, in questo non avrei mai immaginato quello che sarebbe successo” ha raccontato Reitman al Journal Sentinel. Un cassiere dell’Uptown ricevette una telefonata minacciosa alle 08:45 p.m. – probabilmente da un antisemita ingannato dal suono “ebraico” del cognome di Bruce-  che spinse il capo della sicurezza Terry Cullen a recarsi immediatamente dal promoter Allan Dulberger e dal manager di Springsteen, Jon Landau. Insieme ovviamente decisero di sospendere il concerto per tre ore, durante le quali la polizia- come ricorda lo stesso Cullen- mise sottosopra il teatro alla ricerca della famigerata bomba, che fortunatamente non fu trovata. Mentre il pubblico attendeva tranquillo al freddo in un vicino parcheggio, al bar del Pfister Hotel Springsteen e la band si rilassavano scolandosi di tutto. Alla ripresa del concerto, Bruce raccontò – attraverso un monologo delirante da predicatore invasato- di aver confidato al barman che qualcuno aveva cercato di farli saltare in aria. Poi attaccò una “esplosiva” cover di “Little Queenie” di Chuck Berry. Infine, riprese Bruce  “Il barman mi ha guardato e mi ha detto: ‘Figliolo, stai a posto?”.  Springsteen cominciò a ridere e a ripetere di continuo quella frase al pubblico per tutta la serata. “Born to Run” era uscito nel mese di agosto, e Springsteen era finito sulle copertine di Time e Newsweek, a settembre. Ascoltando la registrazione all’Uptown, sui versi urlati in “Jungleland” e gli assoli impetuosi di Clarence Clemons al sassofono, si può concretamente sentire l’ascesa di Springsteen all’Olimpo delle rockstar. Come scrisse Damien Jaques nella sua recensione per il Milwaukee Journal “Springsteen, con un berretto calato fin sugli occhi, tra duelli alla chitarra e salti dal palco sul pubblico, mostra un’energia e una forza che vanno ben oltre la solita gestualità da palcoscenico. E’ lui il nuovo Messia del Rock”.

 

 

~ di pinkcadillacmusic su 2 ottobre 2015.

Una Risposta to “40 anni fa allarme bomba al concerto di Springsteen”

  1. Non conoscevo questo episodio..siete dei grandi!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: