Springsteen in prima linea in “Shining A Light”, un concerto contro il razzismo


shining

Con l’obiettivo di richiamare l’attenzione sui gravi problemi razziali del paese, l’A+E Networks e iHeartMedia hanno annunciato un prossimo evento live dal titolo provvisorio “Shining a Light: A Concert for Progress on Race in America.” L’evento prevede un concerto con performance di artisti del calibro di Bruce Springsteen, Jamie Foxx, Pharrell Williams, Sting, Sia, John Legend, Ed Sheeran, Pink, Miguel, Zac Brown Band, Eric Church, Rhiannon Giddens, Tori Kelly e Jill Scott. “L’attuale questione razziale in America è a un punto critico”, ha detto il produttore esecutivo Ken Ehrlich. “I musicisti di oggi, analogamente a quelli che hanno cantato all’epoca a favore del movimento dei diritti civili, devono far sentire le loro voci su quello che sta succedendo attualmente. Crediamo che ‘Shining a Light’, infatti, possa far conoscere le loro preoccupazioni, le loro speranze e il loro pensiero sugli eventi allarmanti che si verificano ogni giorno”.

Il concerto, prodotto da Grammy ep Ken Ehrlich, verrà registrato il 18 novembre allo Shrine Auditorium di Los Angeles (i biglietti saranno in vendita dalle 13.00 del 28 ottobre sul AXS.com e sito web di Shrine) e due giorni dopo, il 20 novembre, a partire dalle 8 di sera,  verrà trasmesso su A+E Networks, sulle stazioni radio di IHeartCommunications e sulla piattaforma digitale iHeartRadio. Il concerto contribuirà a raccogliere finanziamenti per il Fund for Progress on Race in America sostenuto dalla United Way Worldwide, che fornirà sovvenzioni per le organizzazioni che promuoveranno l’integrazione razziale combattendo i pregiudizi. Il fondo verrà anche impiegato per il sostegno alla Chiesa africana metodista episcopale di Charleston, South Carolina, più volte orrendamente bersagliata in questi ultimi tempi, e sosterrà tutte le iniziative volte a combattere il razzismo e i pregiudizi attraverso l’innovazione delle politiche pubbliche, il cambiamento individuale e la mobilitazione della comunità.

“L’A+E Networks ha il privilegio di entrare nelle case di milioni di americani ogni giorno e credo che sia un nostro dovere – sostiene Nancy Dubuc, presidente e CEO di A+E Networks- utilizzare questa piattaforma così ampia non solo per intrattenere ma anche informare il pubblico. Con Shining a Light faremo luce su verità scomode come l’ingiustizia razziale e i pregiudizi e cercheremo di spingere le persone ad andare oltre gesti simbolici di breve durata”. Rich Bressler ha inoltre aggiunto: “Siamo lieti di aver coinvolto questi grandi artisti a sostenere un evento così importante per il bene delle nostre comunità in tutta l’America.”

Progetti come questo sono stati una pietra miliare per la A+E, ricordata proprio quest’anno durante i Creative Arts Emmy Awards per il suo impegno civile.

~ di pinkcadillacmusic su 23 ottobre 2015.

Una Risposta to “Springsteen in prima linea in “Shining A Light”, un concerto contro il razzismo”

  1. Applausi come sempre!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: