Ogni estate ha il suo profumo.

Ogni estate si porta addosso la speranza che le cose possano girare per il verso giusto. Almeno una volta, una sola, dannata volta.

Ogni estate ha la propria canzone, la propria musica.

Sappiamo già quale sarà il profumo di questa: il profumo dell’asfalto che si scioglie sotto il sole e del vento caldo che smuove le fronde degli alberi, il profumo metallico delle transenne e quello dolciastro di crema solare, il profumo di birra calda e di una promessa di resurrezione. Là, nei templi di San Siro e del Circo Massimo: Bruce Springsteen torna a casa.

CONTINUA A LEGGERE