Bruce Springsteen – Chapter And Verse (testi e traduzioni degli inediti)


chapter-and-verse

E’ uscito finalmente Chapter and Verse, l’album di Springsteen che con diciotto brani, di cui 5 cinque inediti, ripercorre i temi e le scansioni temporali della sua autobiografia ‘Born to run’, in uscita contemporanea mondiale domani 27 settembre. Gli inediti risalgono addirittura ai tempi della preistoria springsteeniana: la prima canzone – dell’epoca dei Castiles, la sua prima band giovanile – è Baby I (1966), co-scritta con  George Theiss. Il testo è un po’ ingenuo, da ragazzino diciassettenne che “ci prova” con tutta la sua sete di rock, e che “ci crede” insieme ai compagni adolescenti con cui suona e sogna di salire sui palchi come una vera rockstar. E’ proprio questa ingenuità delle sue prime sempliciotte composizioni che Bruce non cela, ma che anzi ama ricordare con candore, nel libro quanto nell’album che lo accompagna: “ero un ragazzo normale”, pare voler sottolineare “inseguivo un sogno e ho semplicemente lottato per questo”. La seconda, You can’t judge a Book by the Cover (1967), è una cover scritta da Willie Dixon e portata al successo da Bo Diddley, di cui Bruce con i Castiles dà la sua personale versione, energica e vigorosa. Il terzo brano è He’s guilty (1970)- scritta negli anni degli Steel Mill -, già più maturo con interessanti schitarrate, dai toni impetuosi e determinati; il quarto è The Ballad of Jesse James (1972) della Bruce Springsteen Band che, sebbene ancora un po’ acerbo, sembra tuttavia promettere, soprattutto per ciò che attiene ai versi, quanto di bello e di buono si svilupperà in seguito. Il quinto inedito è una demo chitarra e voce di Henry Boy (1972), in cui Bruce interpreta il disagio di un ragazzo vittima di bulli (si potrebbe facilmente dire: da sempre in-difesa-dei-più-deboli) che ricorda nella melodia una sorta di Rosalita ante litteram. Insomma: un bel “se son rose fioriranno” che da lì a pochi anni ha visto l’epifania di un mito e generato il “futuro del rock and roll”.

BABY I
– The Castiles (recorded May 2, 1966, at Mr. Music, Brick Township, New Jersey; written by Bruce Springsteen and George Theiss; previously unreleased)
YOU CAN’T JUDGE A BOOK BY THE COVER
– The Castiles (recorded September 16, 1967, at The Left Foot, Freehold, NJ; written by Willie Dixon; previously unreleased)
HE’S GUILTY (The Judge Song)
– Steel Mill (recorded February 22, 1970, at Pacific Recording Studio, San Mateo, CA; previously unreleased)
THE BALLAD OF JESSE JAMES
– The Bruce Springsteen Band (recorded March 14, 1972, at Challenger Eastern Surfboards, Highland, NJ; previously unreleased)
HENRY BOY
– (recorded June 1972, at Mediasound Studios, New York, NY; previously unreleased)

~ di pinkcadillacmusic su 26 settembre 2016.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: