The Ghost Of Tom Joad – 21 Novembre 1995


Accadde Oggi!

the-ghost-of-tom-joad1The Ghost of Tom Joad, uscito il 21 novembre 1995, è il quindicesimo album (l’undicesimo in studio) di Bruce Springsteen.Chi ha letto il bellissimo romanzo di John Steinbeck da noi tradotto come “Furore”, pietra miliare della letteratura americana, ha perso le tracce del fantasma di Tom Joad negli anni ’30, ai tempi della Grande Depressione. Lo ha perso di vista mentre vagava, non si sa se morto o vivo, intorno ad uno degli squallidi accampamenti di carovane dove i disgraziati d’America di allora, gli “okies” provenienti dall’Oklahoma e da altre terre rese sterili dalle coltivazioni intensive, si accalcavano alla disperata ricerca di un lavoro da schiavi, pur di sopravvivere nella Terra Promessa Californiana. Le teste appena un po’ più calde, come il nostro Tom Joad, alla prima rissa finivano nel mirino della polizia, specie se la causa era la legittima e sacrosanta difesa contro i soprusi degli sfruttatori. In tal modo perdevano anche la speranza di essere reclutati come raccoglitori di pesche, di cotone o di qulasiasi altra merce, diventando così veri e propri fantasmi viventi.

Nel 1995, in pieno Ottimismo Clintoniano, Bruce Springsteen gettò un bel sasso nello stagno di un’America intorpidita dal proprio presunto benessere, cantando che il fantasma di Tom Joad dopo più di sessant’anni non aveva ancora trovato pace, ma si aggirava intorno agli accampamenti odierni, lungo le autostrade, dove “le famiglie dormono nelle loro macchine nel Sudovest… niente casa niente lavoro niente pace niente riposo”. Per meglio lanciare questo monito tornò alle radici musicali della sua terra, riprendendo lo scarno ed essenziale stile country che molti anni prima aveva dato come frutto l’ottimo “Nebraska”, ma aggiungendo qua e là cupe tonalità di basso o spettrali effetti di tastiere, che nei brani più riusciti danno il senso concreto della tragedia descritta, quella dell’America che non esiste, che non risulta nelle statistiche. Ciò che è venuto fuori non è uno dei capolavori del Boss, ma merita attenzione e rispetto se non altro per il coraggio di trattare argomenti impopolari e per l’ostinata contrapposizione alle mode dell’epoca, che poi sono le stesse di ora.

Le ballate che catturano anche l’orecchio non sono molte e si concentrano più che altro all’inizio: The Ghost Of Tom Joad è da pelle d’oca a prescindere dal testo, Youngstown è fatta di potenza e fuoco come la fonderia “Jenny”, ormai chiusa, che è la vera protagonista, Straight Time e Highway 29 hanno toni più pacati che contrastano con le crude vicende dei disperati protagonisti, uno appena uscito di prigione e costretto a rigare dritto, l’altro in fuga verso il Messico dopo una rapina.
Il confine, una linea maledetta e sfuggente che impedisce la libertà o la felicità agognata, è un tema ricorrente. Lo varca la bella messicana Louisa, con la compiacenza del poliziotto di frontiera di The Line, che ne è innamorato. Immagina di varcarlo, in senso inverso, il povero sognatore che nella splendida Across The Line intravede la sua felicità al di là, nelle acque fangose del Rio Bravo.

Se la musica a tratti tende ad appiattirsi su un country un po’ standard, in compenso le storie sono sempre coinvolgenti, i personaggi sono tragici Tom Joad, dai contorni tremendamente reali. In “The Ghost Of Tom Joad” Springsteen riserva le parole più significative proprio a lui, a Tom: “Mamma, dovunque c’è un poliziotto che picchia un ragazzo, dovunque c’è un neonato affamato che piange, dove c’è una lotta contro il sangue e l’odio nell’aria, cercami mamma, io sarò lì. Dovunque c’è qualcuno che combatte per un posto in cui stare o per un lavoro decente o per una mano d’aiuto, dovunque qualcuno lotta per ottenere la libertà, guarda nei loro occhi, mamma, e vedrai me”. Tom Joad il 2 novembre non ha votato né l’ottuso militarismo di Bush, né il progressismo da salotto di Kerry, ma ha continuato a vagare per le strade americane, e continuerà ancora, finché qualcuno non si accorgerà di lui.

Recensione di Grasshopper

Bruce-Springsteen-The-Ghost-Of-Tom-Joad-In01
Tracce

Testi e musiche di Bruce Springsteen
The Ghost of Tom Joad – 4:21
Straight Time – 3:25
Highway 29 – 3:39
Youngstown – 3:52
Sinaloa Cowboys – 3:51
The Line – 5:14
Balboa Park – 3:19
Dry Lightning – 3:30
The New Timer – 5:45
Across the Border – 5:24
Galveston Bay – 5:04
My Best Was Never Good Enough – 2:00

DISCOGRAFIA DI BRUCE SPRINGSTEEN

~ di pinkcadillacmusic su 21 novembre 2016.

4 Risposte to “The Ghost Of Tom Joad – 21 Novembre 1995”

  1. Oi, Pinkers! Un salutone da Milano, vi abbraccio tutti in un colpo solo! A prestissimo. Fabio. ps. Can you feel the spirit? Yeah, yeahhhhhhh

    Mi piace

  2. Bellissimo album di Bruce , completamente acustico ed eseguito nei teatri per pochi intimi .. che peccato!

    Mi piace

    • Il libro è meraviglioso, non si può non leggerlo, amando la musica di Bruce. Titolo originale del libro “L’uva dell’ira” – ( The grapes of wrath). In Italia conosciuto come FURORE. Tuttora il libro è letto nelle scuole superiori in America, essendo un classico oramai della letteratura statunitense. Uno degli album che preferisco di Bruce. Canzone in particolare (across the border) commovente. Grazie ragazzi per tutto quello che fate. Alfo

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: