Soulfire, il nuovo album di Steve Van Zandt


«Sono sempre stato tematico nei miei lavori, molto concettuale, ho bisogno del contesto, non riesco a fare solo una collezione di canzoni, non funziona per me. In questo caso, il concetto sono “io stesso”. Chi sono io? Sono quasi un “genere” a parte ormai. Per cui ci sono alcune cover, alcune canzoni nuove, e alcune reinterpretazioni di quelle che ritengo le più belle canzoni che ho scritto in questi anni. In quest’album ci sono io che faccio me stesso.»

Il nuovo attesissimo album di Little Steven, sarà in uscita il  prossimo 19 maggio 2017. Soulfire, questo il titolo del lavoro, sarà pubblicato in CD, in digitale e in doppio LP, ed è il primo album di Stevie Van Zandt in due decenni. La track-list comprende brani che ripercorrono tutta la sua carriera di artista, performer, produttore, arrangiatore e compositore, e torna all’approccio soul horns-meet-rock‘n roll guitars dei primi album con Southside Johnny e Asbury Jukes.

Little Steven & The Disciples of Soul sono tornati l’ottobre scorso, su richiesta di un amico che li ha invitati a suonare al BluesFest di Londra. Van Zandt arrivava dal tour con la E Street Band e aveva in progetto un viaggio in UK per festeggiare il compleanno della moglie e l’ottantesimo di Bill Wyman. «Una serie di circostanze che si sono incastrate perfettamente» dice Van Zandt.

Little Steven ha velocemente riunito i Disciples of Soul del 21° secolo, quello che definisce benevolmente «un gruppo di disadattati, ladri e portuali», ha aggiunto tre coriste ed una sezione fiati tra cui Stan Harrison ed Eddie Manion, già membri degli degli Asbury Jukes/Miami Horns.

Stevie e la sua band hanno attraversato l’Atlantico per quella che avrebbe dovuto essere una “one-night-only performance” impreziosita da classici come I Don’t Want To Go Home, altre canzoni della sua carriera solista, brani scritti per altri e cover di Etta James, James Brown ed Electric Flag.

«A quel punto ho pensato beh, abbiamo già imparato 22 canzoni… Potremmo fare un album!»

Soulfire è stato arrangiato e prodotto da Van Zandt nel suo studio di New York, coprodotto da Geoff Sanoff (Fountains of Wayne, Stephen Colbert) e dal chitarrista Marc Ribler. I cori in I Don’t Want To Go Home e The City Weeps Tonight sono dei Persuasions, il celebre gruppo acappella. Il missaggio è stato affidato a Bob Clearmountain (Rolling Stones, David Bowie, The Who, Bryan Adams) mentre il mastering è opera di Bob Ludwig (Led Zeppelin, Nirvana, The Band, Sly and the Family Stone).

Van Zandt, che rimane comunque un membro della E Street Band, sarà in tour in Europa con i Disciples of Soul dal 9 giugno all’8 luglio, unica data italiana a Pistoia il 4 Luglio.

LITTLE STEVEN & THE DISCIPLES OF SOUL – TOUR
09 Giugno 2017 – SWE – SOLVESBORG – Sweden Rock Festival
14 Giugno 2017 – DE – LEIPZIG – Parkbuhne
16 Giugno 2017 – DE – FRANCOFORTE – Batschkapp
18 Giugno 2017 – UK – MANCHESTER – Manchester Arena
22 Giugno 2017 – IRL – DUBLINO – Vicar Street
25 Giugno 2017 – NL – AMSTERDAM – Carré
01 Luglio 2017 – FL – JÄRVENPÄÄ – Puisto Blues Festival
04 Luglio 2017 – IT – PISTOIA – Pistoia Blues ℅ Piazza Duomo
05 Luglio 2017 – SLO – LJUBLJANA – Teatro Krizanke
08 Luglio 2017 – ES – BARCELLONA – Cruïlla Festival
05 Agosto 2017 – N – NOTODDEN – Notodden Blues Festival

TRACK BY TRACK:
1. “Soulfire” (co-written with Anders Bruus of The Breakers) ”
2. “I’m Coming Back” (Originally found on Southside Johnny and The Asbury Jukes’ 1991 LP, BETTER DAYS
3. “The Blues Is My Business” (Written by Kevin Bowe and Todd Cerney, recorded by Etta James in 2003
4. “I Saw The Light” (I had half-written it for Richie Sambora & Orianthi)
5. “Some Things Just Don’t Change” (Originally found on Southside Johnny and The Asbury Jukes’ 1977 LP, THIS TIME IT’S FOR REAL)
6. “Love On The Wrong Side of Town” (Co-written with Bruce Springsteen and originally found on Southside Johnny and The Asbury Jukes’ 1977 LP, THIS TIME IT’S FOR REAL)
7. “The City Weeps Tonight”
8. “Down and Out in New York City” (Written by Bodie Chandler and Barry De Vorzon and originally recorded on James Brown’s 1973 Black Caesar soundtrack)
9. “Standing in the Line of Fire” (Co-written with Gary U.S. Bonds and (L.) Anderson and originally found on Gary U.S. Bonds’ 1984 STANDING IN THE LINE OF FIRE)
10. “Saint Valentine’s Day” (Originally found on The Cocktail Slippers’ 2009 LP, SAINT VALENTINE’S DAY MASSACRE)
11. “I Don’t Want To Go Home” (Originally found on Southside Johnny and The Asbury Jukes’ 1976 debut LP, I DON’T WANT TO GO HOME)
12. “Ride The Night Away” (Co-written with Steve Jordan and originally found on Jimmy Barnes’ 1985 LP, FOR THE WORKING CLASS MAN; later recorded for Southside Johnny and The Asbury Jukes’ 1991 LP, BETTER DAYS)

Annunci

~ di pinkcadillacmusic su 11 maggio 2017.

Una Risposta to “Soulfire, il nuovo album di Steve Van Zandt”

  1. very happy about

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: