La bibliografia italiana su Bruce Springsteen


Dalla pubblicazione in Italia nell’autunno del 1981 del primo libro su Bruce Springsteen curata da Guido Harary, contenente i testi e le traduzioni delle canzoni dei primi cinque album, il mito del Boss è sempre alla ribalta in tutta la sua forza. Così intorno alle pubblicazioni discografiche di Bruce Springsteen  si è avuta una vera e propria escalation di pubblicazioni editoriali che ha accompagnato l’ escalation dirompente della sua popolarità. Scorrere quindi questa ampia quantità di libri, dalle biografie ai saggi passando per piccoli e maneggevoli testi più agili, è un’operazione assai complessa ma estremamente interessante. Questo mare magnum di pubblicazioni va dai testi biografici autorizzati e filologicamente corretti a quelli meno attendibili; dalle narrazioni dal taglio giornalistico e documentario alle raccolte aggiornate dei testi “con traduzione a fronte”; dai volumi critici che analizzano il fenomeno Springsteen in tutta la sua complessità (storica, artistica e letteraria), fino a quelli che collazionano testimonianze, esperienze personali o si propongono come utili vademecum per neofiti. Va da sé che, per conoscere a pieno la totalità degli aspetti del mito, della leggenda, della sua arte e del  suo songwriting non si può prescindere dall’ascolto di tutti i dischi ( Bootleg Series compresi). Ma ogni libro, a modo suo,  può  fornire  interessanti chiavi di lettura per una più piena comprensione della sua produzione discografica, aiutandoci ad ampliare la nostra prospettiva ben oltre le nostre sensazioni o emozioni personali. Di seguito proponiamo i libri pubblicati in Italia, tra cui alcune chicche per i collezzionisti  da non perdere assolutamente.  Nota bene: abbiamo volutamente escluso dall’indice  i testi a carattere enciclopedico che, sebbene in molti casi dedichino -come è giusto- ampio spazio al Boss, non sono espressamente dedicati a lui e alla sua musica.

1. 1981 – BRUCE SPRINGSTEEN, Tutti I Testi con Traduzione a Fronte

Prima edizione a cura di Guido Harary, traduzione testi a cura di Mirka Cristina Cevoli.  Primo libro su Bruce Springsteen ad essere pubblicato in Italia. La prima di altre tre (per ora) stesura pubblicata nell’autunno del 1981 include i testi di 55 brani di Bruce, ovvero tutte le canzoni dei primi cinque album + il testo di Because The Night nella versione di Patty Smith.

arcana 1981

BRUCE SPRINGSTEEN – Tutti i testi, con traduzione a fronte – 1981 – Introduzione di Guido Harari – Arcana Editrice Milano

2. 1981 – BRUCE SPRINGSTEEN

Collana tascabile musica n.78, 92 pagine. Biografia di Bruce stampata all’indomani della conclusione del tour di “The River”. All’interno qualche  foto b/n dei concerti europei del 1981.

Bruce Springsteen di Sergio D'Alesio

BRUCE SPRINGSTEEN di Sergio D’Alesio – 1981 – LATO SIDE EDITORI ROMA

3. 1982 – BRUCE SPRINGSTEEN

Collana Rock: storia e musica n.5, 28 pagine, copertina con foto a colori di Bruce a Zurigo (11/4/81). Questo libretto era originariamente in vendita nelle edicole come dispensa insieme ad una cassetta CBS contenente i brani: “Blinded By The Light” “Saint In The City” “Rosalita” ” Tenth Avenue” “Jungleland” e “Darkness”. Le 28 pagine del quaderno sono una semplice introduzione all’ascolto del nastro, una operazione che coincise con l’uscita di Nebraska nell’autunno del 1982.

BRUCE SPRINGSTEEN - Rock Storia e Musica 5 1982 Fabbri

BRUCE SPRINGSTEEN – Rock Storia e Musica 5; di Giancarlo Radice; 1982; Gruppo Editoriale Fabbri

4. 1983 – BRUCE SPRINGSTEEN – NATO PER CORRERE

Traduzione a cura di di Pina Di Pietro e Maurizio Iorio, titolo originale “Born To Run: the Springsteen story”, 386 pagine. Preceduta dalla sua fama di bestseller internazionale veniva finalmente pubblicato anche in Italia. Aggiornato a tutto il tour di The River. Una lettura fondamentale per ogni fan di Bruce con oltre un centinaio di foto di importanza pari alla narrazione.

Nato per correre

BRUCE SPRINGSTEEN – NATO PER CORRERE, di Dave Marsh; 1983, Ed. Gamma Libri, Milano (prima edizione)

5. 1984 – BRUCE SPRINGSTEEN Ticket to the promised land

Numero speciale di Francesco Coli creatore della fanzine “Rosalita.  Testi inediti

BRUCE SPRINGSTEEN Ticket to the promised land; di Francesco Coli; 1984; Rosalita

6. 1984 – BRUCE SPRINGSTEEN – INTERVISTE, TESTI INEDITI, DISCOGRAFIA

di Francesco Coli creatore della fanzine “Rosalita. Discografia e bootlegografia accuratissime. Uscito all’indomani di Born In The U.S.A. ottimo contributo italiano alla bibliografia springsteeniana.

Bruce Springsteen – Interviste Testi Inediti Discografia Completa; di Francesco Coli; 1984; Arcana Editrice Milano

7. 1984 – BRUCE SPRINGSTEEN – NATO PER CORRERE (2° Edizione)

Traduzione a cura di di Pina Di Pietro e Maurizio Iorio, titolo originale “Born To Run: the Springsteen story”, 386 pagine. Preceduta dalla sua fama di bestseller internazionale veniva finalmente pubblicato anche in Italia. Aggiornato a tutto il tour di The River. Una lettura fondamentale per ogni fan di Bruce con oltre un centinaio di foto di importanza pari alla narrazione.

BRUCE SPRINGSTEEN – NATO PER CORRERE, di Dave Marsh; 1984 – BROSSURATO GAMMALIBRI

8. 1985 – BRUCE SPRINGSTEEN – Born in the USA

64 pagine. Portfolio di foto tra cui scatti inediti di un certo interesse risalenti al tour di The River che trasmettono fedelmente l’atmosfera di uno show dell’epoca.

BRUCE SPRINGSTEEN – Born In The U.S.A.; 1985

9. 1985 – BRUCE SPRINGSTEEN, Tutti I Testi con Traduzione a Fronte

Seconda edizione a cura di Guido Harary, traduzione testi a cura di Mirka Cristina Cevoli e per Nebraska, Gregorio Samsa. Collana Musica n.2 296 pagine. Edizione Aggiornata fino a Born In The U.S.A.

Tutti i testi 1985

BRUCE SPRINGSTEEN, Tutti I Testi con Traduzione a Fronte, a cura di Guido Harari; 1985, Arcana Editrice Roma

10. 1985 – PIX N°4 PHOTOROCK COLLECTION

Numero monografico pubblicato in concomitanza con il concerto di Milano ’85. Testi di Andrea Pancani e Nicola Bandini. Foto a colori di Neil Preston e Claudio Gallo

PIX, mensile di attualità musicale - Bruce Springsteen, Talk Of The Town - n.4 Luglio 1985 - Fratelli Gallo Editori Roma

PIX, mensile di attualità musicale – Bruce Springsteen, Talk Of The Town – n.4 Luglio 1985 – Fratelli Gallo Editori Roma

11. 1985 – PIX  PHOTOROCK COLLECTION

Raccolta dei numeri PIX PHOTOROCK COLLECTION, pubblicati nell’anno 1985. All’interno il n.4 di luglio 1985  dedicato a Bruce Springsteen. Testi e foto a colori

PIX PHOTOROCK COLLECTION 1985 - Fratelli Gallo Editori Roma

PIX PHOTOROCK COLLECTION 1985 – Fratelli Gallo Editori Roma

12. 1986 – BRUCE SPRINGSTEEN, Tutti I Testi con Traduzione a Fronte

Prima edizione con la traduzione di Massimo Cotto

Tutti i testi 1986

BRUCE SPRINGSTEEN, Tutti I Testi con Traduzione a Fronte; di Massimo Cotto; 1986; Arcana Editrice Milano (prima edizione)

13. 1986 – ALBUM BRUCE SPRINGSTEEN

Storia di Bruce dagli esordi a Born in The U.S.A. e discografia ufficiale aggiornata

Album

ALBUM BRUCE SPRINGSTEEN, Autori vari; 1986 Ed. Gamma Libri, Milano

14. 1986 – BRUCE SPRINGSTEEN – THE BOSS

Vita e opere di Bruce Sprinsteen, particolarmente interessante la discografia sommersa suddivisa per periodo storico. Una marea di informazioni su dischi,nastri, video, libri e bootlegs aggiornate al 1986.

The Boss di Marcello Villella

BRUCE SPRINGSTEEN – THE BOSS, di Marcello Villella; 1986, Big Parade – Collana di Tematiche Giovanili; Edizioni Leti Roma

15. 1986 – BRUCE, un libro mozzafiato nel rovente mondo del rock

In copertina ed all’interno alcune  foto di  Bruce. La storia raccontata non ha nulla a che fare con Springsteen e tanto meno al mondo del rock. COLLANA MUSIC BOX – ANNO III – N. 2

Bruce - Giallo Rock

BRUCE, un libro mozzafiato nel rovente mondo del rock (giallo rock) di Patrick Ellis; 1986, Edizioni Leti Roma

16. 1986 – Springsteen Live

Edizione italiana di un fortunato libro canadese. Questo volume raccoglie ben 150 fotografie, di cui circa 80 riguardanti l’inizio del tour di Born In The U.S.A. una settantina di scatti sono riconducibili a due show di ” The River”, e alcuni scatti risalgono al tour di “Darkness”

Springsteen Live, di Phil Kamir e Peter Geddard (trad. Maria Grazia Burlacchini ); 1986, Gramese Editore Roma

Springsteen Live, di Phil Kamir e Peter Geddard (trad. Maria Grazia Burlacchini ); 1986, Gramese Editore Roma

17. 1987 – BRUCE SPRINGSTEEN, Studio su testi e musiche

180 pagine in 40 capitoli , ad ognuno dei quali corrisponde un brano del songbook ufficiale springsteeniano.

Studio su testi e musiche

BRUCE SPRINGSTEEN, Studio su testi e musiche, Autori Vari; 1987, Ed. Gamma Libri, Milano

18. 1987 – ARCIPELAGO ROCK

Tascabile che ha in copertina una foto di Bruce in concerto (1984)

ARCIPELAGO ROCK, di Enzo Gentile; 1987, Le guide di Panorama/Oscar Mondatori, Milano

ARCIPELAGO ROCK, di Enzo Gentile; 1987, Le guide di Panorama/Oscar Mondatori, Milano

19. 1987 – SCRITTO NELL’ANIMA, 29 interviste ai grandi del rock

Titolo originale “Written in My Soul”.Raccolta di interviste sul “songWriting” tra cui quella a Bruce fatta da Flanagan,  caporedattore di Musician, nell’aprile del 1987, che spazia dalle tecniche compositive alla spiritualità atipica del periodo di “Tunnel of Love”

SCRITTO NELL'ANIMA, 29 interviste ai grandi del rock, di Bill Flanagan (trad. Paolo Prato e Luisa Mann); 1987, Arcana Editrice Roma

+ SCRITTO NELL’ANIMA, 29 interviste ai grandi del rock, di Bill Flanagan (trad. Paolo Prato e Luisa Mann); 1987, Arcana Editrice Roma

20. 1988 – BRUCE SPRINGSTEEN

Numero monografico pubblicato in concomitanza con il concerti italiani dell’88. Testi e foto a colori. E’ praticamente un libretto fotografico uscito nelle edicole al tempo del “Tunnel of love tour”. 94 pagine

BRUCE SPRINGSTEEN; 1988, Fratelli Vallardi Editori, Milano, Collana "Rock Show", Anno 3 Numero 13/14

BRUCE SPRINGSTEEN; 1988, Fratelli Vallardi Editori, Milano, Collana “Rock Show”, Anno 3 Numero 13/14

21. 1988 – BRUCE SPRINGSTEEN, Tutti I Testi Con Traduzione a Fronte

Ristampa della prima edizione con la traduzione di Massimo Cotto aggiornata con i testi di Tunnel Of Love

BRUCE SPRINGSTEEN, Tutti I Testi Con Traduzione a Fronte, a cura di Massimo Cotto; 1988, (seconda edizione) Arcana Editrice Roma

BRUCE SPRINGSTEEN, Tutti I Testi Con Traduzione a Fronte, a cura di Massimo Cotto; 1988, (seconda edizione) Arcana Editrice Roma

22. 1988 – GLORY DAYS – BRUCE SPRINGSTEEN

Titolo originale: “Glory Days: Bruce Springsteen In The Eighties” Traduzione di Tullio Dobner. Il seguito di Nato Per Correre, la biografia ufficiale di Bruce

Glory Days

GLORY DAYS – BRUCE SPRINGSTEEN, di DAVE MARSH, traduzione di Tullio Dobner; 1988 SUPER SOUND SPERTLING&KUPFER, Milano

23. 1988 – BRUCE SPRINGSTEEN – THE BOSS

“The Boss: Il nuovo volto di Bruce Springsteen”. Serie “Big Parade”, 114 pagine. Aggiornamento a tutto il tour di Tunnel Of Love

BRUCE SPRINGSTEEN - THE BOSS, di Marcello Villella; 1988, Big Parade - Collana di Tematiche Giovanili; Edizioni Leti Roma

BRUCE SPRINGSTEEN – THE BOSS, di Marcello Villella; 1988, Big Parade – Collana di Tematiche Giovanili; Edizioni Leti Roma

24. 1988 – BRUCE SPRINGSTEEN

Collana “I libri dei tuoi big” 36 pagine. Riassunto della vita di Bruce Springsteen

BRUCE SPRINGSTEEN, di Elena Baroncini; 1988, Forte Editore, Milano

BRUCE SPRINGSTEEN, di Elena Baroncini; 1988, Forte Editore, Milano

25. 1989 – BRUCE SPRINGSTEEN – CANZONI

Tascabile con cronologia biografica e discografica con studio dei testi più significativi del repertorio springsteeniano.

BRUCE SPRINGSTEEN - CANZONI, Autori Vari; 1989, Edizioni Blues Brothers, Milano

BRUCE SPRINGSTEEN – CANZONI, Autori Vari; 1989, Edizioni Blues Brothers, Milano

26. 1989 – CHUCK BERRY autobiografia (Prefazione B. Springsteen)

Prefazione di Bruce Springsteen: qui pubblicato il racconto di Bruce dell’aneddoto del concerto del 1972 in cui la E Street Band fece da back up al grande Chuck.

CHUCK BERRY autobiografia (Prefazione B. Springsteen) di SOFIA MOHAMED; 1989, Collana Supersound Sperling & Kupfer, Milano

 

27. 1990 – BRUCE SPRINGSTEEN, A-Z Dizionario Rock

Un ritratto di Bruce e della sua musica nelle dichiarazioni rilasciate da Bruce stesso e della band nel corso degli anni, alla stampa ed in concerto più le dichiarazioni di amici, musicisti e discografici, moltissime delle quali raccolte dagli autori. Introduzione di Elliot Murphy

Dizionario

BRUCE SPRINGSTEEN, A-Z Dizionario Rock, di Massimo Cotto e Ermanno Labianca; 1990, Arcana Editrice Roma

28. 1991 – TERRA DI ZUCCHERO – Bruce Springsteen & The E Street Band 1972-1990

90 pagine. Discografia ufficiale e non, videografia, il songbook originale, le covers, guida cronologica di tutti i concerti.

TERRA DI ZUCCHERO – Bruce Springsteen & The E Street Band 1972-1990, di Stefano Marras; 1991, Edizioni

29. 1991 – Taccuini Americani

Raccolta di storie volte aottolineare il carattere democratico e popolare di tutta la cultura americana. Uno dei capitoli del libro si intitola “Bruce Springsteen: working-class hero?. Ancora oggi è uno dei saggi più importanti scritti in Italia su Bruce.

Taccuini Americani, di Alessandro Portelli; 1991, Manifesto Libri, Roma

Taccuini Americani, di Alessandro Portelli; 1991, Manifesto Libri, Roma

30. 1991 – LAGGIU’

244 pagine. Titolo originale “In Country” traduzione dall’americano di Piera Castelnuovo – Racconto ambientato nell’america post-Vietnam. Bobbie Ann Mason grande fan del Boss. La prima stampa aveva una copertina con un disegno raffigurante Springsteen.

LAGGIU’ – di Bobbie Ann Mason; 1991, Edizioni E/O, Roma

LAGGIU’ – di Bobbie Ann Mason; 1991, Edizioni E/O, Roma

 

31. 1992 – BRUCE SPRINGSTEEN, Tutti I Testi con Traduzione a Fronte

Seconda edizione con la traduzione di Massimo Cotto

BRUCE SPRINGSTEEN, Tutti I Testi con Traduzione a Fronte, a cura di Massimo Cotto; 1992, (seconda edizione) Arcana Editrice Roma

BRUCE SPRINGSTEEN, Tutti I Testi con Traduzione a Fronte, a cura di Massimo Cotto; 1992, (seconda edizione) Arcana Editrice Roma

 

32. 1992 – Il Testo e la voce

Si parla specificatamente di oralità, letteratura e democrazia in America. In un paragrafo intitolato “Cuori spezzati e pezzi di ricambio” si parla diffusamente delle immagini usate da Bruce nelle sue canzoni legate alle macchine.

Il testo e la voce. Oralità, letteratura e democrazia in America;
di Alessandro Portelli; 1992; Manifestolibri

 

33. 1992 – All those songs (All those years) – The unpublished lyrics

Trascrizione e traduzione in italiano di brani inediti. Dai demos del 1972 alle outtakes di Darkness, The River e Born In The USA

ALL THOSE SONGS (All those years) – The unpublished lyrics; di Ferdinando A. e Stefano C.; 1992; Casa Editrice n.d.

 

34. 1993 – LOCAL HERO: Springsteen in the Words of His Band

Il primo libro dedicato a Bruce dopo il primo scioglimento della E Street Band. Ritratto inedito di Springsteen e del World Tour 92-93

LOCAL HERO: Springsteen in the Words of His Band, di Ermanno Labianca, fotografie di Giovanni Canitano; 1993, Great Dane Book, Roma

 

35. 1994 – ROLL YOUR TAPES (The Complete Bruce Springsteen Bootleg CD Guide)

Un volume realizzato in Italia (ma interamente scritto in inglese) con notizie, scalette e riproduzioni delle copertine di tutti i live CD pubblicati fino alla data del 1994 in tutto il mondo

ROLL YOUR TAPES (The Complete Bruce Springsteen Bootleg CD Guide) di Fulvio Fiore & Fulvio Felisi; 1994, Born to Run books

 

36. 1995 – Bruce Springsteen: PROMESSE INFRANTE

Collana “Immagini del Rock” 112 pagine. La storia da ASBURY PARK al successo di BORN IN THE USA fino a HUMAN TOUCH e LUCKY TOWN.

Bruce Springsteen: PROMESSE INFRANTE, di IGNACIO JULIA; 1995, Collana Immagini del Rock - Editorial La Mascara, Valencia - Spagna

Bruce Springsteen: PROMESSE INFRANTE, di IGNACIO JULIA; 1995, Collana Immagini del Rock – Editorial La Mascara, Valencia – Spagna

 

37. 1995 – SATISFACTION, Monografie Rock n.4

Quarto numero di una interessante serie. In allegato un CD dedicato a Springsteen contenente la straordinaria registrazione fatta il 30 agosto 1972 al Max’s Kansas City di New York. 81 pagine che ripercorrono la storia di Springsteen dall’inizio fino a “Greatest Hits”. Foto, articoli e una sezione dedicata ai libri e al cinema. (CD allegato)

SATISFACTION, Monografie Rock n.4 di Ermanno Labianca; 1995, New Digital Music

SATISFACTION, Monografie Rock n.4 di Ermanno Labianca; 1995, New Digital Music

 

38. 1996 – The Boss – Bruce Springsteen si racconta

The Boss : Bruce Springsteen si racconta; di John Duffy; (Trad. di Marzia Mazzini) 1996; Kaos Milano - 168 p.

The Boss : Bruce Springsteen si racconta; di John Duffy; (Trad. di Marzia Mazzini) 1996; Kaos Milano – 168 p.

 

39. 1997 – Bruce Springsteen – The Rolling Stone files

Testo che raccoglie tutti gli articoli e note relativi al BOSS pubblicati sulla mitica rivista musicale americana ROLLING STONE.

Bruce Springsteen – The Rolling Stone files. La carriera del Boss; 1997, Editore Tarab, Firenze

 

40. 1998 – BRUCE SPRINGSTEEN, Il Fiume e Altre Storie

Collana “Rock People”, questo testo comprende articoli inediti, interviste, alcuni testi con traduzioni a tutto The Ghost of Tom Joad, la discografia completa e le partecipazioni ufficiali di Bruce reperibili sul mercato.

BRUCE SPRINGSTEEN, Il Fiume e Altre Storie, di Paolo Vites; 1998, Arcana Editrice Roma

 

41. 1998 – Bruce Springsteen – Strade di fuoco

Collana diretta da RICCARDO BERTONCELLI, Testi di EDDY CILIA Il libro contiene: La storia da ASBURY PARK al successo, da BORN IN THE USA a THE GHOST OF TOM JOAD. Nascita, morte e resurrezione della E-STREET BAND. I luoghi, Il Clan, la mitologia springseeniana. Le recensioni approfondite di tutti i dischi ufficiali

Bruce Springsteen – Strade di fuoco, di Cilia Eddy; 1998 Giunti Editore, Firenze

Bruce Springsteen – Strade di fuoco, di Cilia Eddy; 1998 Giunti Editore, Firenze

 

42. 1999 – BRUCE SPRINGSTEEN, A-Z Dizionario Rock (seconda edizione)

Un ritratto di Bruce e della sua musica nelle dichiarazioni rilasciate da Bruce stesso e della band nel corso degli anni, alla stampa ed in concerto più le dichiarazioni di amici, musicisti e discografici, moltissime delle quali raccolte dagli autori. Introduzione di Elliot Murphy (la prima edizione è del 1990)

SPRINGSTEENDALL'A ALLA Z; a cura di Ermanno La Bianca e Massimo Cotto;Intoduzione di Elliott Murphy; 1999; Arcana

SPRINGSTEEN
DALL’A ALLA Z; a cura di Ermanno La Bianca e Massimo Cotto;
Intoduzione di Elliott Murphy; 1999; Arcana

 

43. 1999 – BRUCE SPRINGSTEEN ANTHOLOGY

Libro che racconta cosa c’è dietro il complesso immaginario poetico e visionario del cantante rock che meglio di ogni altro ha raccontato la terra promessa, la mitologia della strada e il romanticismo di una generazione nata per correre inseguendo il sogno americano. Analizza tutti i testi fino a “The ghost of Tom Joad”.

BRUCE SPRINGSTEEN ANTHOLOGY, Tutti I dischi, tutte le canzoni, di Stefano Barco e Alberto Neri; 1999, Arcana Editrice Roma

 

44. 1999 – SONGS

Tutti i testi ufficiali scritti da Bruce fino al 1995. Immagini, molte inedite. Per la prima volta tutti i testi delle canzoni del famoso artista, raccolti in unico volume riccamente illustrato. Per ognuno dei brani musicali qui riportati, viene raccontato come è nato e a quali avvenimenti si riferisce. Le immagini sono state ricavate in gran parte durante i suoi concerti, ma molte lo ritraggono anche nei suoi momenti di relax o nell’intimità della sua vita privata. Sono infine raccolte nel libro alcune riflessioni personali, scritte dallo stesso Springsteen, sulla musica, sull’attività artistica, sulle fonti di ispirazione e su alcuni dei suoi amici di avventura, artistica e di vita.

SONGS, Traduzione: Arianna Dagnino; 1999, Collana: ARCOBALENO F.C Editore Mondatori Milano

SONGS, Traduzione: Arianna Dagnino; 1999, Collana: ARCOBALENO F.C Editore Mondatori Milano

 

45. 2000 – AMERICAN SKIN, Vita e Musica di Bruce Springsteen

Un libro su Bruce Springsteen preciso e completo. La prima stampa di un volume springsteeniano diviso cronologicamente in sette periodi, con le storie più importanti della vita del Boss, tutte le sue incisioni in studio, edite ed inedite, e l’elenco completo e commentato dei concerti, comprese centinaia di scalette, centinaia di foto e rare memorabilia dalle origini nell’underground di Asbury Park fino a “American Skin” e alla rinascita della E-Street Band.”

AMERICAN SKIN, Vita e Musica di Bruce Springsteen, di Ermanno Labianca; 2000; Giunti Gruppo Editoriale,

 

46. 2001 – BRUCE SPRINGSTEEN, IL FUTURO DEL ROCK’N’ROLL

Biografia dell’artista simbolo dell’ultimo quarto di secolo, scritta dal giornalista collaboratore della rivista americana Rolling Stone.

BRUCE SPRINGSTEEN, IL FUTURO DEL ROCK’N’ROLL, di Christopher Sandford, (trad. Stefania Cerchi) 2001, Arcana Editrice Roma

BRUCE SPRINGSTEEN, IL FUTURO DEL ROCK’N’ROLL, di Christopher Sandford, (trad. Stefania Cerchi) 2001, Arcana Editrice Roma

 

47. 2002 – AMERICAN SKIN, Vita e Musica di Bruce Springsteen Seconda editione ( nuova copertina).Volume aggiornato al Reunion Tour

AMERICAN SKIN, Vita e Musica di Bruce Springsteen, di Ermanno Labianca; seconda editione ( nuova copertina) 2002; Giunti Gruppo Editoriale, Firenze

 

48. 2002 – BRUCE SPRINGSTEEN

118 pagine. Fa parte della collana LEGENDS, dedicata alle leggende della musica. La monografia affronta in modo essenziale e rigoroso la vita, le opere discografiche del Boss.

BRUCE SPRINGSTEEN, di Stefano Barcoveglio e Andrea Marasso; 2002, Editori Riuniti, Roma

BRUCE SPRINGSTEEN, di Stefano Barcoveglio e Andrea Marasso; 2002, Editori Riuniti, Roma

 

49. 2002 – Mia città di rovine. L’America di Bruce Springsteen

Rielaborazione della tesi di laurea dell’autrice, con l’aggiunta di una introduzione sui fatti dell’11 settembre ed una prefazione di Portelli. Un approccio diverso e molto interessante ai testi ed alle tematiche di Springsteen

Mia città di rovine. L’America di Bruce Springsteen, di D’Amore Antonella; 2002 Manifesto Libri, Roma

 

50. 2003 – GOD LESS AMERICA: Da New York a San Francisco sulle orme del Boss

CD allegato – Ottobre 2000. Cristina Donà e Michele Monina intraprendono un viaggio coast to coast da New York a San Francisco sulle orme di Bruce Springsteen, ripercorrendo i luoghi fondamentali della biografia e della discografia del rocker statunitense. Dal New Jersey, patria del Boss, il viaggio si sposta verso ovest, toccando punti nevralgici dell’immaginario americano: Philadelphia, Cleveland, Detroit, Chicago e Nebraska, a cui il Boss ha dedicato un intero album.

GOD LESS AMERICA: Da New York a San Francisco sulle orme del Boss, di Cristina Donà & Michele Monina; 2003, Piccola Biblioteca Oscar Mondatori, Milano

GOD LESS AMERICA: Da New York a San Francisco sulle orme del Boss, di Cristina Donà & Michele Monina; 2003, Piccola Biblioteca Oscar Mondatori, Milano

 

51. 2004 – Accecati dalla luce

Questo racconto indaga il panorama eterogeneo dei fan di Bruce Springsteen: non solo ragazzetti urlanti sotto il palco, ma anche irreprensibili professionisti che trascurano il lavoro per seguire la tournée europea del loro idolo, padri e mariti perfetti che al richiamo del “Boss” abbandonano la famiglia per trascorrere la notte in fila davanti a un negozio di dischi.

Accecati dalla luce. di Gianluca Morozzi: 2004. FERNANDEL Ravenna

52. 2004 – Blues, Jazz, Rock, Pop. Il Novecento americano

In centodiciotto capitoli un percorso guidato nel Novecento americano. Una grande storia che va dal blues al nu-metal, passando per tutto, ma proprio tutto quello che riguarda ogni artista e ogni tendenza Usa davvero importante. Dentro la crescita di un Paese che, nel bene e nel male, è diventato il modello per gli altri. Una bussola per orientarsi nella musica di ieri, oggi e domani, e per capire la natura profonda dell’America.

Blues, Jazz, Rock, Pop. Il Novecento americano. di Assante Ernesto e Castaldo Gino; 2004 (collana Einaudi. Stile libero) Einaudi Torino

 

53. 2005 – REAL WORLD, sulle strade di Bruce Springsteen

Giornalista rock il primo, fotografo il secondo, Ermanno Labianca e Giovanni Canitano condividono la stessa passione per Bruce Springsteen, di cui hanno seguito tutti i tour a partire dai primi anni Ottanta a oggi. In questo libro raccontano il divo del rock in una biografia “trasversale”, uno scrapbook fatto di immagini e parole. Il libro ritrae venticinque anni di rock’n’roll presentando le trascrizioni dei lunghi discorsi offerti da Springsteen prima di eseguire i brani dal vivo, le immagini dei tour, le dichiarazioni dell’artista su famiglia, amore, amicizia, altruismo, povertà, emarginazione e gli altri temi centrali della sua opera.

REAL WORLD, sulle strade di Bruce Springsteen, di Ermanno Labianca e Giovanni Canitano; 2005, Arcana Editrice Roma

 

54. 2005 – DIZIONARIO DELLA MUSICA ROCK

Uno strumento di consultazione aggiornatissimo per orientarsi nel vasto panorama musicale di generi e sottogeneri del rock’n’roll. Il dizionario è ripartito in due volumi, corrispondenti alle maggiori aree di diffusioni del rock, quella europea e quella americana. Le novità sono: le numerose voci dedicate agli artisti approfondiscono l’analisi musicologia dei singoli album e si propongono come una guida all’ascolto e come un invito alla scoperta di gruppi e autori attualissimi, spesso non ancora inclusi in altre opere di consultazione; inoltre l’autore, grazie alla sua doppia competenza, evidenzia i rapporti tra cinema e musica rock, prendendo in esame le colonne sonore e i brani celebri del cinema di tutti i tempi. Completa il Dizionario un’ampia serie di apparati, tra i quali la cronologia dei principali album, una guida utilissima per ricostruire l’atmosfera musicale di un’epoca.

DIZIONARIO DELLA MUSICA ROCK, di Giuseppe Rausa; 2005, RCS Libri S.p.A. Milano

DIZIONARIO DELLA MUSICA ROCK, di Giuseppe Rausa; 2005, RCS Libri S.p.A. Milano

 

55. 2005 – BRUCE SPRINGSTEEN, Trent’ Anni da Boss Trent’ Anni da Boss, di Claudio Mapelli, foto di Giovannia Canitano; 2005, Gruppo Editoriale L’Expresso Roma

BRUCE SPRINGSTEEN, Trent' Anni da Boss, di Claudio Mapelli, foto di Giovannia Canitano; 2005, Gruppo Editoriale L'Expresso Roma

BRUCE SPRINGSTEEN, Trent’ Anni da Boss, di Claudio Mapelli, foto di Giovannia Canitano; 2005, Gruppo Editoriale L’Expresso Roma

 

56. 2006 – OLTRE IL CONFINE, Miti e visioni d’America nelle canzoni di Bruce Springsteen

Dal mito della nascita della “nuova nazione” a quello della strada. Dal mito della frontiera come penetrazione (e conquista) dell’ignoto, alle produzioni letterarie che hanno dato voce a chi sotto quel mito è rimasto schiacciato. Da John Ford a Jack Kerouac, da John Steinbeck a Flannery O’Connor e risalendo la corrente – a Mark Twain e all’immaginario “redentivo” dei gospel: il libro va alla ricerca dei mille fili che legano le canzoni di Springsteen al “mito America” e ai suoi simboli. Una costellazione “resistente” nel tempo perché, come ha scritto Francesco Dragosei, “l’America percepisce se stessa in modo mitico”. Queste canzoni, che coprono oramai più di trent’anni di storia americana – il debutto discografico di Springsteen è datato 1973 – hanno un merito: dal mito “saltano” alla realtà – o almeno ad una sua interpretazione. Quello che il mito vela (e a volte espelle o mistifica), queste tracce cercano di far riemergere – di portare alla luce. Dal mito alle visioni.

OLTRE IL CONFINE, Miti e visioni d'America nelle canzoni di Bruce Springsteen, di Luca Miele; 2006, Pardes Edizioni Bologna

OLTRE IL CONFINE, Miti e visioni d’America nelle canzoni di Bruce Springsteen, di Luca Miele; 2006, Pardes Edizioni Bologna

 

57. 2006 – Greetings from E Street. La storia di Bruce Springsteen e della E Street Band

Per trentacinque anni Bruce Springsteen e la sua leggendaria band hanno percorso le strade del mondo con la loro musica. Un libro per ripercorrere le vicende del Boss e della sua E Street Band – Roy Bittan, Clarence Clemens, Danny Federici, Nils Lofgren, Patti Scialfa, Garry Tallent, Steven Van Zandt e Max Weinberg – dai bar del New Jersey alla consacrazione della critica con “Born to run”, ai tour trionfali di “Born in the U.S.A.” e ai successi internazionale. Scritto con la collaborazione di tutta la band da un autore che da anni segue la carriera artistica di Sringsteen, “Greetings from E Street” è un racconto intimo, una valigia piena di storie, istantanee, foto inedite e interviste, immagini sul palco e nel backstage. Contiene 2 poster d’archivio e 30 facsimili estraibili di rari memorabilia, come il primo biglietto da visita di Bruce Springsteen, le liste scritte a mano per i pass del backstage, i biglietti dei concerti e gli itinerari dei tour.

Greetings from E Street. La storia di Bruce Springsteen e della E Street Band, di Santelli Robert, traduttori: Bertoncelli R. - Zanetti F; 2006, Rizzoli Editore Milano

Greetings from E Street. La storia di Bruce Springsteen e della E Street Band, di Santelli Robert, traduttori: Bertoncelli R. – Zanetti F; 2006, Rizzoli Editore Milano

 

58. 2006 – LIBERAMI DAL NULLA

Liberami dal nulla” è la prima uscita della Quarup, piccola casa editrice indipendente che ha preso nome da un romanzo di Antônio Callado e soprattutto da un antico rito amazzonico secondo cui i saggi abitanti dello Xingu riconoscevano in ogni anima un frammento della “divinità astratta totale”. Il testo è anche l’esordio letterario della americana Tennessee Jones e si compone di una decina di racconti ispirati da “Nebraska” di Bruce Springsteen. Anche la Jones lavora sui frammenti che si nascondono dentro e sotto la realtà, offrendo spaccati di un’America emarginata e desolata, la stessa cantata da Springsteen in quello che è il suo disco folk più riuscito. Non si pensi all’ennesima operazione da fan o ad una rielaborazione che prende a pretesto il disco di un musicista famoso. Questa scrittrice poco più che ventenne ha il merito di avere uno sguardo sincero, sviluppato nella scena newyorchese con posizioni alternative alla politica sociale e culturale imperante: un percorso del genere l’ha portata ad una scrittura scarna e cruda, che collima con alcune immagini di Springsteen. Per quanto facilitata, la Jones non si limita a riprendere le storie cantate in “Nebraska”, ma le fa sue concretizzandone il contesto spettrale. In questo senso è emblematica l’immagine di copertina con la pioggia che sbatte sul parabrezza dell’auto rendendo la visuale ancora più cupa e grigia di quanto già fosse nella cover del disco. I personaggi prendono corpo in modo impietoso vagando come spettri in quella New Depression che da ormai vent’anni attanaglia le parti più basse dell’America. La Jones non concede alle loro esistenze alcun senso romantico e così facendo non solo le rende tremendamente reali, ma anche indipendenti dalle canzoni di Springsteen: il rischio di un omaggio a “Nebraska” è distante al punto che il suo ascolto non è strettamente necessario. La maggiore intuizione della Jones sta nel far sovrastare ogni racconto da una grandezza abnorme, fatta di vuoto e di disperazione: un cielo troppo vasto, un oceano in attesa di una coppia suicida, una fabbrica che sta per chiudere, una montagna che tormenta i ricordi di due fratelli e così via fino a creare un senso di incombenza che non lascia scampo ai protagonisti. La morte si annida ovunque e gli stessi sogni sono tramutati in ossessioni che spingono a varcare un confine, un baratro, che è l’esatto opposto della terra promessa dal sogno americano. Alle piaghe che Springsteen aveva già indicato se ne aggiungono così altre come l’omosessualità che tormenta il protagonista de “La casa di mio padre”. Da notare che la Quarup ha inserito “Liberami dal nulla” in una collana denominata “Badlands”: quando si dice che i frammenti collimano e creano un unico quadro.

LIBERAMI DAL NULLA, di Tennessee Jones, traduzione di Matteo Colombo; 10/2006, Collana Badlands, Editore Quarup

LIBERAMI DAL NULLA, di Tennessee Jones, traduzione di Matteo Colombo; 10/2006, Collana Badlands, Editore Quarup

 

59. 2006 – BRUCE SPRINGSTEEN, COME UN KILLER SOTTO IL SOLE, Il Grande Romanzo Americano (1972-2007)

Bruce Springsteen è uno dei musicisti più amati al mondo – e l’Italia non fa eccezione – ma è un musicista d’un tipo particolare: perché è prima di tutto uno storyteller, un “raccontatore di storie”. Ogni sua canzone racconta la vita, o l’episodio decisivo della vita, di un ragazzo, di una donna, di una coppia, di un padre e un figlio; ogni sua canzone racconta un angolo degli Stati Uniti d’America, una strada, un deserto, un paese, una città. Ecco perché Leonardo Colombati ha voluto dare a questa raccolta di canzoni il sottotitolo “II Grande Romanzo Americano”, selezionando e traducendo di persona cento e più testi di Springsteen. Con questo libro coloro che hanno sempre amato l’opera del Boss potranno finalmente collocarla a buon diritto nella loro libreria accanto a libri di poesia. E, nel suo appassionato saggio introduttivo, Colombati mostra come sia possibile considerare questo “menestrello” alla pari dei grandi della letteratura. Nel sontuoso apparato di note ai testi, Colombati ricostruisce le circostanze – spesso raccontate dallo stesso Springsteen – nelle quali le canzoni sono state composte, e ne illumina il senso profondo ricostruendo il fitto reticolo di rimandi alla cultura popolare e “alta” così come alla storia sociale e politica degli States.

Bruce Springsteen. Come un killer sotto il sole - Il grande romanzo americano; di Leonardo Colombati; 2007; Editore Sironi

Bruce Springsteen. Come un killer sotto il sole – Il grande romanzo americano; di Leonardo Colombati; 2007; Editore Sironi

 

60. 2008 – Talk About A dream

Bruce Springsteen ha composto nella sua carriera oltre 25O canzoni: ma di tutto questo materiale, solo poco più del 5O per cento è finito nei suoi album ufficiali. È un patrimonio di musica e parole che negli anni è stato analizzato solo parzialmente. Una guida alla comprensione di brani epici e famosi ma anche alla valorizzazione di tracce più “oscure”, relegate a facciata B di un singolo e nello tempo rivalutate dal pubblico e dallo stesso autore. Traduzioni, commenti e informazioni utili a esplorare in profondità l’universo springsteeniano.

Talk About A dream, di Ermanno Labianca; 2008, Arcana Editrice Roma - 398 pagine

Talk About A dream, di Ermanno Labianca; 2008, Arcana Editrice Roma – 398 pagine

 

61. 2008 – BORN IN THE USA

Sembrava un inno, era un atto d’accusa: ecco la storia di Born in the Usa, primo successo planetario di Bruce Springsteen, con i suoi oltre 20 milioni di copie vendute. Di inquietante attualità, “Born in the Usa” racconta di un uomo nato senza futuro in una città operaia, spedito lontano a fare la guerra e destinato a una vita di umiliazioni al ritorno solo per aver avuto in sorte di nascere negli Usa. Il libro ricostruisce le motivazioni che hanno spinto Springsteen alla denuncia – a partire dal titolo, “preso in prestito” da Paul Schrader, e al suo rapporto con l’associazione dei veterani -, la collocazione dell’album nella sua carriera, il successo mondiale, i fraintendimenti cui ha dato vita e la storia dei singoli brani.

BORN IN THE USA di HIMES GEOFFREY, traduzione Laura Ladisa; 2008, NO REPLEY Milano

BORN IN THE USA di HIMES GEOFFREY, traduzione Laura Ladisa; 2008, NO REPLEY Milano

 

62. 2009 – Long Walk Home

Questo volume commenta i testi springsteeniani del periodo 1992-2OO9 e si muove su tre direttrici distinte, capaci di creare cortocircuiti culturali: da un lato l’autore scopre lo sviluppo della poetica springsteeniana, dall’altro ne verificherà gli scostamenti e le progressioni rispetto al primo periodo (soprattutto nelle liriche “private”) mentre in ultima analisi fa scorrere su uno sfondo immaginario le vicende più significative della storia mondiale.

Long Walk Home, di Ermanno Labianca; 2009, Arcana Editrice Roma

Long Walk Home, di Ermanno Labianca; 2009, Arcana Editrice Roma

 

63. 2009 – Magic in the night

La storia di uno dei musicisti più amati dal pubblico italiano attraverso l’analisi dei brani che compongono i suoi sedici album in studio. Rifuggendo il mero elenco di fatti che solitamente caratterizza le biografie dei divi del rock, Rob Kirkpatrick punta su ciò che più conta, la musica, gettando nuova luce su canzoni divenute la colonna sonora della versione moderna del Sogno Americano, come testimoniato dalla presenza di Springsteen accanto a Barack Obama in alcuni passaggi-chiave della sua campagna elettorale. Testi e musiche vengono analizzati accanto al contesto socioculturale in cui le canzoni sono state concepite, scritte e registrate. Un’analisi condotta dall’autore su tutti gli album di Springsteen, compreso il recente “Working On A Dream”. Tradotto da Ermanno Labianca, il libro si conclude con la discografia dettagliata del musicista che nel 1974 fece dire a Jon Landau, autorevole critico del mensile “Rolling Stone”: “In una notte in cui ho avuto bisogno di sentirmi giovane, qualcuno mi ha fatto sentire come se stessi ascoltando musica per la prima volta. Ho visto il futuro del rock’n’roll: il suo nome è Bruce Springsteen”.

Magic in the night, di Kirkpatrick Rob - Le parole e la musica di Bruce Springsteen; 2009, Baldini Castoldi Dalai editore Milano

Magic in the night, di Kirkpatrick Rob – Le parole e la musica di Bruce Springsteen; 2009, Baldini Castoldi Dalai editore Milano

 

64. NATIVO AMERICANO, La Voce Folk Di Bruce Springsteen

Autore inquieto e osservatore attento dei meccanismi del successo, Bruce Springsteen ha influenzato generazioni di giovani, venduto milioni di dischi e respinto definizioni ed etichette. Accanto alla fama di irresistibile maestro di cerimonie del rock, ha maturato una sempre più consapevole identità acustica e si è fatto custode di un’antica tradizione popolare. I suoi personaggi sono operai, disoccupati, migranti, assassini, reduci di guerra, ex galeotti: tutti idealmente figli di Tom Joad, il protagonista di Furore di John Steinbeck. Marina Petrillo si lascia guidare dalla “voce folk”, quella con cui Springsteen sa rievocare i personaggi di Steinbeck, i paesaggi di Faulkner, le ballate di Woody Guthrie fino al blues, al gospel e allo spiritual. Dai boschi stregati di Nebraska al tour solitario di The ghost of Tom Joad, da Devils & Dust alle esperienze con la Seeger Sessions Band e la campagna elettorale di Barack Obama, la voce folk è quella in cui si materializza la voce del vero narratore. Da lì, e soprattutto da lì, dice Petrillo, affiora la voce del mistero e della passione civile. Rigoroso nella ricostruzione di uno Springsteen quasi inedito, “Nativo americano” è quasi una ballata.

NATIVO AMERICANO, La Voce Folk Di Bruce Springsteen, di Marina Petrillo; 2010, Giangiacomo Feltrinelli Editore Milano

NATIVO AMERICANO, La Voce Folk Di Bruce Springsteen, di Marina Petrillo; 2010, Giangiacomo Feltrinelli Editore Milano

 

65. 2010 – NATO IN USA. Bruce Springsteen si racconta

di Teddy Clarke; 2010; Edizione Blues Brothers Milano – 160 pagine.

NATO IN USA. Bruce Springsteen si racconta, di Teddy Clarke; 2010; Edizione Blues Brothers Milano

NATO IN USA. Bruce Springsteen si racconta, di Teddy Clarke; 2010; Edizione Blues Brothers Milano

 

66. 2010 -Big Man. Storie vere & racconti incredibili

Prefazione di Bruce Springsteen. Clarence “Big Man” Clemons racconta la sua vita dentro e fuori la E Street Band, dall’infanzia al presente, dai furgoni scassati ai jet privati, dai marciapiedi del Jersey Shore alle grandi arene di tutto il mondo. Il carismatico sassofonista ripercorre con passione e grande sense of humour le mille avventure vissute al fianco di Bruce Springsteen, svelando i segreti che circondano il mito del Boss e del suo gruppo: la realizzazione dell’epocale “Born to run”, la vera origine del nome E Street Band, il resoconto del primo incontro con Bruce “in una notte buia e tempestosa”, l’esplosivo concerto nel penitenziario di Sing Sing, lo show al Super Bowl del 2009 e tantissimi altri aneddoti, compresa una misteriosa confidenza fatta da Robert De Niro e custodita fedelmente per venticingue anni. Oltrepassando i limiti della consueta biografia musicale, “Big Man” narra “storie vere e racconti incredibili” tracciando la parabola dello straordinario percorso umano e musicale di una leggenda vivente che abbraccia quasi mezzo secolo di storia.

Big Man. Storie vere & racconti incredibili, di Clarence Clemons e Don Reo - Tradotto da: G. Marano; 2010, Arcana Editrice Roma

Big Man. Storie vere & racconti incredibili, di Clarence Clemons e Don Reo – Tradotto da: G. Marano; 2010, Arcana Editrice Roma

 

67. 2010 – Runaway Dream – Born to run e la visione americana di Bruce Springsteen

Per milioni di persone, Born to run, pubblicato nel 1975, è molto più di un semplice album rock: è un’esplosione poetica, un grido di strada che esprime al contempo frustrazione e ansia di libertà. Bruce Springsteen voleva che Born to run fosse il più grande disco rock mai realizzato. Per un musicista che veniva da due album di modesta fortuna commerciale, si trattava di un’ambizione sovrumana. Session dopo session, canzone dopo canzone, Louis P. Masur ci racconta come il genio e la determinazione riuscirono nell’impresa. Runaway dream è un viaggio negli esperimenti e nel trionfo del lavoro di Springsteen. E oltre alla storia dell’album, Masur analizza l’impatto di Born to run nella cultura americana, dimostrando come le immagini delle ragazze, delle strade bollenti e delle notti del New Jersey abbiano sfidato il tempo e siano ancora oggi vivide e potenti.

Runaway Dream – Born to run e la visione americana di Bruce Springsteen, di Louis P. Masur; 2010, Arcana Editrice Roma

 

68. 2010 – WELCOME TO ASBURY PARK

La polvere dei mattoni, il legno del Boardwalk, il cuore della gente di Asbury Park, New Jersey. È questo lo scenario in cui Bruce Springsteen ha mosso i primi passi nel mondo della musica. Grazie a un profondo interesse per le origini del cantante e alla fortuna di poterlo incontrare e seguire nei backstage dei concerti, Stefano Pecoraio ha tracciato la geografia di quei luoghi leggendari, raccontati in una chiave originale, con rispetto e serietà tali da fargli guadagnare la benedizione del Boss in persona. “Welcome to Asbury Park” è un diario di viaggio sulle orme della rockstar, con un reportage inedito dal mitico locale dove tutto ha avuto inizio, l’Upstage, riaperto all’autore in esclusiva dopo trentotto anni. Un diario ricco di interviste a personaggi d’eccellenza del calibro di Vini Lopez, storico primo batterista della E Street Band; Lisa Lowell, bravissima cantante, nota ai più come componente della Seeger Session Band; Willie Nile, cantautore americano di talento sempre vicino a Bruce; Carl Tinker West, primo vero manager di Springsteen. E Lee Mrowicki: l’uomo che per circa vent’anni è stato il dj del leggendario Stone Pony.

WELCOME TO ASBURY PARK di Stefano Pecoraio; 2010, Aliberti editore Reggio Emilia

 

69. 2010 – NATO PER RINCORRERE, Bruce Springsteen, La Vita, Il Rock, L’Amore e Nient’Altro

Un ventiduenne mollato dalla fidanzata viene trascinato dagli amici a un concerto di Bruce Springsteen, e la sua esistenza cambia di colpo nel giro di una sera. Comincia un’epopea rock che si dipana attraverso cinquanta concerti, dal primo a Zurigo al cinquantesimo a New York, dal silenzio dei teatri al diluvio di San Siro, dal Palamaggiò di Caserta al Madison Square Garden, da Codroipo a Parigi. Ogni capitolo è un concerto, un pezzo di vita, tra amori, vicende, lutti, tutti accompagnati da una canzone del Boss, una rincorsa al biglietto, un disco nuovo da ascoltare. Tra sondaggi per springsteeniani esperti, interviste a compagni di follia, capitoli scritti dal futuro, pensieri immaginari del batterista Max Weinberg, Bruce Springsteen spiegato a un fan di Frank Zappa, Bruce Springsteen spiegato a un fan di Nek, Bruce Springsteen spiegato ai morti del cimitero…

NATO PER RINCORRERE, Bruce Springsteen, La Vita, Il Rock, L'Amore e Nient'Altro, di Gianluca Morozzi; 2010, Alberto Castelvecchi Editore Srl Roma

NATO PER RINCORRERE, Bruce Springsteen, La Vita, Il Rock, L’Amore e Nient’Altro, di Gianluca Morozzi; 2010, Alberto Castelvecchi Editore Srl Roma

 

70. 2010 – God Less America

Seconda Edizione con nuova copertina .Ottobre 2000. Cristina Donà e Michele Monina intraprendono un viaggio coast to coast da New York a San Francisco sulle orme di Bruce Springsteen, ripercorrendo i luoghi fondamentali della biografia e della discografia del rocker statunitense. Dal New Jersey, patria del Boss, il viaggio si sposta verso ovest, toccando punti nevralgici dell’immaginario americano: Philadelphia, Cleveland, Detroit, Chicago e Nebraska, a cui il Boss ha dedicato un intero album.

God Less America, di Donà Cristina, Monina Michele; 2010 Galaad Edizioni Giulianova (Teramo)

 

71. 2006 – BRUCE SPRINGSTEEN, COME UN KILLER SOTTO IL SOLE, Il Grande Romanzo Americano (Edizione 2011)

Bruce Springsteen è uno dei musicisti più amati al mondo – e l’Italia non fa eccezione – ma è un musicista d’un tipo particolare: perché è prima di tutto uno storyteller, un “raccontatore di storie”. Ogni sua canzone racconta la vita, o l’episodio decisivo della vita, di un ragazzo, di una donna, di una coppia, di un padre e un figlio; ogni sua canzone racconta un angolo degli Stati Uniti d’America, una strada, un deserto, un paese, una città. Ecco perché Leonardo Colombati ha voluto dare a questa raccolta di canzoni il sottotitolo “II Grande Romanzo Americano”, selezionando e traducendo di persona cento e più testi di Springsteen. Con questo libro coloro che hanno sempre amato l’opera del Boss potranno finalmente collocarla a buon diritto nella loro libreria accanto a libri di poesia. E, nel suo appassionato saggio introduttivo, Colombati mostra come sia possibile considerare questo “menestrello” alla pari dei grandi della letteratura. Nel sontuoso apparato di note ai testi, Colombati ricostruisce le circostanze – spesso raccontate dallo stesso Springsteen – nelle quali le canzoni sono state composte, e ne illumina il senso profondo ricostruendo il fitto reticolo di rimandi alla cultura popolare e “alta” così come alla storia sociale e politica degli States.

Bruce Springsteen. Come un killer sotto il sole - Il grande romanzo americano; di Leonardo Colombati; Edizione 2011; Editore Sironi

Bruce Springsteen. Come un killer sotto il sole – Il grande romanzo americano; di Leonardo Colombati; Edizione 2011; Editore Sironi

 

72. 2011 – Odio Springsteen e gli U2

Le poesie raccolte in questo volume coprono un arco cronologico che va dal 1983 al 2011, abbracciando fasi alterne della carriera musicale di Federico Fiumani leader dei Diaframma.

Federico Fiumani dice: Il libro contiene tutte le poesie che ho scritto dal 1983 ad oggi, il titolo non è che c’entri granchè..mi piaceva la frase e poi è la verità (ride, ndr). Una canzone deve ruotare attorno ad un concetto forte, mentre in una poesia sei più libero, ti puoi lasciare andare di più.

Citiamo il testo sebbene riporti Springsteen esclusivamente nella titolazione provocatoria.

ODIO SPRINGSTEEN E GLI U2 Poesie 1983-2011 di Federico Fiumani – 2011 Coniglio Ed.

73. 2011 – Io sono Springsteeniano

Fabio Gemmi pubblica nella collana ilmiolibro.it , 168 storie di vita tra il reale e l’assurdo vissute attraverso la musica del Boss. Tutto il ricavato sarà devoluto in beneficenza all’associazione “Aiutare i Bambini” (www.aiutareibambini.it).

Fabio Gemmi, Io sono Springsteeniano. Storie, racconti, emozioni. La mia vita cantata dal Boss, pubbl. dall'autore, collana ilmiolibro.it

Fabio Gemmi, Io sono Springsteeniano. Storie, racconti, emozioni. La mia vita cantata dal Boss, pubbl. dall’autore, collana ilmiolibro.it

74. 2011 – Brucetellers

Pistoia, Settembre 2011 Tutto è nato per ricordare un giovane amico, fan di Bruce Springsteen e appassionato istruttore di basket per bambini. Dall’idea ai fatti: è così che un gruppo di compagni di concerti si è messo in moto contattando il vasto ed eterogeneo mondo degli springsteeniani d’Italia. All’appello hanno risposto in 90 tra giornalisti, scrittori, musicisti, disegnatori, fotografi, liutai, grafologi, collezionisti e semplici fan: tutti con in comune la passione per Bruce, l’esperienza di svariate dozzine di concerti in giro per il mondo e un patrimonio di storie e aneddoti tutti legati al rocker di Freehold. Ne è scaturita una raccolta di storie che ha trovato ospitalità nella nuova collana editoriale con cui l’Associazione sportiva e culturale Silvano Fedi di Pistoia vuole celebrare il quarantennale di attività con il patrocinio delle istituzioni cittadine pistoiesi. Brucetellers (256 pagine, Edizioni Nuove Esperienze) uscirà il prossimo 22 ottobre e il ricavato sarà devoluto in beneficenza per la Fondazione dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze. L’uscita del volume avverrà in concomitanza con una serata musicale che si terrà al Piccolo Teatro Bolognini di Pistoia, per la partecipazione di numerosi artisti del panorama nazionale. Tra le firme, quella di Vini Lopez (primo batterista di Springsteen), Massimo Bubola, Cristina Donà, Marino Severini (Gang), Graziano Romani, Ermanno Labianca, Stefano Mannucci, Marco Denti, Leonardo Colombati, Gianluca Morozzi, Mauro Zambellini e tanti altri, che hanno accettato di prestare gratuitamente la loro opera abbracciando lo spirito benefico e il comune senso di appartenenza a quella patria trasversale di seguaci del ‘Jersey Devil’, un artista che si è sempre distinto per sensibilità e altruismo. Il volume esce a poca distanza di tempo dalla scomparsa di Clarence Clemons, lo storico sassofonista della E-Street Band, a cui i curatori del libro hanno voluto dedicare la quarta di copertina.

BRUCETELLERS, 256 pagine, Edizioni Nuove Esperienze, 2011

BRUCETELLERS, 256 pagine, Edizioni Nuove Esperienze, 2011

75. 2012 – Giorni di sogni e speranza

Spesso informale e sempre intimo, Days of Hope and Dreams (I giorni della speranza e dei sogni) – pubblicato in questi giorni da Arcana (Collana Fotografici – 200 pp. – introduzione di Bruce Springsteen – €25.00) svela le immagini finora inedite di un giovane Bruce Springsteen come potevano essere catturate solo da un amico e da un confidente: Frank Stefanko. Nato e cresciuto nell’ambiente working class di Asbury Park, New Jersey, Springsteen è da oltre tre decenni uno degli autori e performer più influenti del mondo. Nato e cresciuto anch’egli nel New Jersey, il fotografo Frank Stefanko incrociò il cammino di Springsteen grazie a un’amica comune, Patti Smith. Il loro incontro diede vita a una collaborazione fotografica che durò dal 1978 al 1982 e sfociò nella realizzazione delle copertine di due dischi epocali del Boss, Darkness… e The River. Ora, per la prima volta in Italia, vedono la luce 88 di quelle immagini tratte dall’archivio personale di Stefanko. Days of Hope and Dreams presenta un’indimenticabile selezione di ritratti candidi e personali, accompagnati dai ricordi scritti del fotografo sul suo lavoro e la sua amicizia con Bruce Springsteen.

Arcana Edizioni, pagg. 150, € 25, traduzione Gianluca Testani

76. 2012 – Il Cinema secondo Springsteen

 Il cinema secondo Springsteen, a cura di Diego Del Pozzo e Vincenzo Esposito è il primo libro a occuparsi in maniera organica e strutturata del rapporto tra Bruce Springsteen e l’arte cinematografica, e affronta l’argomento con rigore e passione, non tralasciando alcun aspetto del legame tra il Boss – protagonista assoluto del rock americano contemporaneo – e il grande schermo.

Si tratta di “un libro utile”, come afferma giustamente il critico Valerio Caprara nella prefazione, “un libro dedicato al piacere e alla conoscenza degli appassionati anziché alla somministrazione di speedball autoreferenziali”.

Il saggio, quindi, ci restituisce in maniera brillante la straordinaria forza visiva del songwriter del New Jersey, il suo immaginario cinematografico, composto di figure antieroiche che molto hanno in comune con personaggi interpretati negli anni Cinquanta da attori come Marlon Brando, James Dean, Robert Mitchum, e naturalmente anche con la poetica di grandi autori come John Ford ed Elia Kazan. Ma Springsteen non ha soltanto “preso” dal cinema, ha anche ispirato tanti film e cineasti; è riuscito, cioè, a contribuire lui stesso, attraverso le sue canzoni, la sua musica, a formare un nuovo immaginario popolare dal quale il cinema poi ha attinto con sempre maggiore attenzione a partire dagli anni Ottanta. Un rapporto paritario ed empatico, quindi, che Del Pozzo ed Esposito hanno il merito di analizzare con attenzione, tenendo conto anche degli aspetti storici, sociali, politici, oltre che filmici e musicali. Un’opera di grande impegno e di assoluta originalità.

Il Cinema secondo Springsteen, a cura di D. Del Pozzo e V.Esposito, 2012, Quaderni di Cinemasud.

Il Cinema secondo Springsteen, a cura di D. Del Pozzo e V.Esposito, 2012, Quaderni di Cinemasud.

77. 2012  – La Nota Giusta – Bruce Springsteen

Fatevi sentire, musicisti, fatevi sentire. Aprite le orecchie e aprite il cuore. Non prendetevi troppo sul serio e prendetevi sul serio come la morte. Non preoccupatevi, e preoccupatevi da star male. Abbiate una fiducia di ferro in voi stessi, ma dubitate sempre: vi tiene svegli e all’erta. Pensate sempre di essere i figli di puttana più fichi della città, e pensate sempre che fate schifo! Bruce Springsteen continua a incantare intere generazioni di fan non solo con la sua musica, ma anche con le sue parole. Come nel caso del keynote speech dell’edizione 2012 del «South by SouthWest» che si è tenuto a Austin qualche settimana fa. Davanti al pubblico che stipava l’Austin Convention Center, Il Boss ha tenuto banco per più di 50 minuti, con un discorso sulla vita, sul rock, sulle influenze che la musica di alcuni musicisti e alcune band ha avuto sulla sua, di musica. Tanti gli artisti citati, da Woody Guthrie a Elvis Presley, dagli Animals a James Brown. E tanta la musica suonata, accompagnato dalla sua fedele chitarra. Sul sito della NPR potete guardare il video del discorso,  e-book  scaricabile gratuitamente sul sito di ISBN.

la nota giusta

ISBN, ebook gratuito con la prefazione di Luca De Gennaro (traduzione di Lorenzo Bertolucci).

78. 2012  – All the way home. Bruce Springsteen in the italian land 1985-2012

In concomitanza con il ‘Wrecking Ball World Tour’, arriva nelle librerie il primo studio approfondito relativo al particolare vincolo di sangue che lega il rocker del New Jersey ai fan tricolori. Dagli archivi e dalle esperienze sul campo del giornalista e studioso Daniele Benvenuti un’analisi di ‘tutti’ i 40 concerti tenuti da Bruce in Italia. Scalette, cronache, curiosità e valanghe di immagini inedite sono la base di un lavoro, in realtà, molto più complesso e articolato. Adatto agli appassionati più incalliti ma anche ai neofiti. Prefazioni illustri e analisi socio-antropologiche di stampo accademico, studi ‘di settore’ con il supporto di quotati professionisti, Bruce visto ‘dal palco’ ma osservato anche ‘di fronte al palco’. Per la prima volta, oltre alla vasta bibliografia italiana commentata, è stato realizzato anche un approfondito censimento di tutti i fan club, le fanzine e le mailing list, gli eventi, i tributi e gli spettacoli a tema. Ma, soprattutto, delle centinaia di artisti italiani legati più o meno esplicitamente alla musica e alla poetica di Springsteen. Perché, mai come in questo caso, è vero che… ‘tutte le strade portano a casa’!

Luglio (Trieste), 270 pag.,

All the way home. Bruce Springsteen in the italian land 1985-2012, di Benvenuti Daniele, 2012, Luglio (Trieste), 270 pag.,

79. 2012  – Happy Birthday, Nebraska

Happy Birthday, Nebraska è un racconto scritto per La Feltrinelli. Esce solo come e-book (sono 15 pagine). All’interno della neonata collana Zoom. Lo potete acquistare ovunque, sul web, scaricandolo a 0.99 Euro. E’ una maniera per festeggiare il trentennale dell’album Nebraska di Bruce Springsteen, in chiave però narrativa. Per acquistarlo: quiNebraska” è l’album più sottovalutato di Bruce Springsteen. O almeno così dice Giallu. E alle note di “Nebraska”, “Atlantic city” e “Johnny 99″ si intrecciano quelle, lievi ma non meno profonde, di un’amicizia. Perché, come un rapporto che finisce, non ci sono parole per descrivere “Nebraska”. Se non quelle di Giallu che, nella sua placida saggezza, lo conosce come se avesse accompagnato Bruce nella stesura: “Giallu diceva che la sedia che geme è l’unica recensione possibile di Nebraska”.

Happy Birthday, Nebraska, a cura di Andrea Scanzi, 2012, La Feltrinelli

Happy Birthday, Nebraska, a cura di Andrea Scanzi, 2012, La Feltrinelli

80. 2012  – Bruce Springsteen. Nebraska

Quando Bruce Springsteen, con la cassetta di “Nebraska” nella tasca dei blue jeans uscì da quella fattoria, a Colts Necks (bollicine di umidità sulle assi di legno verniciate di bianco, nitriti di cavalli nella bruma, in lontananza), aveva trentatré anni e stava ancora cercando se stesso. Forse non del tutto consapevolmente, aveva fissato su nastro la consistenza tremolante di alcuni suoi fantasmi. Diventeranno, col tempo, dieci spettri che con il rumore delle loro catene, raggelandolo, vireranno a nero il candido sogno americano.

Bruce Springsteen. Nebraska, di Leonardo Colombati, 2012, Sironi, 128 pag.

Bruce Springsteen. Nebraska, di Leonardo Colombati, 2012, Sironi, 128 pag.

81. 2012  – Springsteen. Spare parts. Testi commentati. 1973-2012

Il nuovo album WRECKING BALL (2012) e altre 120 canzoni “sparse”, raccolte in 40 anni di carriera, vanno a completare l’opera di traduzione, analisi e commento dei testi di Bruce Springsteen firmata per Arcana da Ermanno Labianca. Spare Parts (1973-2012) è il terzo volume di commento ai testi di Bruce Springsteen, e segue Talk About A Dream (1973-1988) e Long Walk Home (1992-2009), pubblicati nel 2008 e 2009. Scorrendone le pagine si scoprono i segreti e le intenzioni del nuovissimo disco di Springsteen (il diciassettesimo in studio) e si compie un viaggio definitivo nel songbook sommerso dell’artista americano, fatto anche di canzoni al servizio del cinema (Streets Of Philadelphia, Dead Man Walkin’), di un altissimo numero di preziosi inediti e di composizioni cedute a colleghi (da Southside Johnny a Donna Summer). Altre canzoni di impegno, amore e rabbia che esaltano le qualità e la duttilità del rocker del New Jersey. Con le sue traduzioni e un imponente condimento di fatti e curiosità, Spare Parts è un’utile guida al riascolto dello Springsteen alternativo a quello degli album in studio analizzato dai due volumi precedenti.

Springsteen. Spare parts. Testi commentati. 1973-2012, di Ermanno La Bianca, 2012, Arcana, 439 pag.

Springsteen. Spare parts. Testi commentati. 1973-2012, di Ermanno La Bianca, 2012, Arcana, 439 pag.

 

82. 2012  – Bruce Springsteen. Da Asbury park alla terra promessa

“Non c’è una sola parte di te che tu possa lasciarti alle spalle. Puoi solo gestire le diverse parti. C’è un’automobile ed è piena di persone. Il ragazzino dodicenne sta dietro. Così il ragazzo di vent’anni e anche il tipo di trent’anni a cui piace tenere le mani sul volante, premere l’acceleratore e guidarti contro un albero. Così l’uomo di quaranta a cui piace combinare casini e quello di cinquanta che se l’è cavata piuttosto bene. Tu vorresti al volante l’ultimo modello di te stesso, la parte che ha capito di più e sa dove vorresti andare. Ma sono tutti lì. Non se ne va nessuno. Le porte sono chiuse, bloccate e sigillate, finché arrivi nel tuo box. E chi si trova al volante fa una bella differenza. Se c’è il tipo sbagliato alla guida, è tempo di andare a sbattere.” Non solo i suoi straordinari successi discografici, i suoi live memorabili, e le sue decise prese di posizione politiche. In questa raccolta di interviste e dichiarazioni liberamente tradotte per la prima volta in italiano troviamo tutta la lucidità, la passione e la sensibilità di una delle personalità artistiche più importanti dell’intera storia del rock. Con 24 ritratti fotografici in b/n, dagli esordi a oggi, in solo e con i più importanti compagni di strada della E Street Band.

Bruce Springsteen. Da Asbury park alla terra promessa; di Browner Tommaso; 2012; Auditorium

Bruce Springsteen. Da Asbury park alla terra promessa; di Browner Tommaso; 2012; Auditorium

 

83. 2012  – La rivoluzione in tasca. Da Gesù a Bruce Springsteen

“La rivoluzione in tasca. Da Gesù a Bruce Springsteen” di Marx & C. (Il Melangolo Ed., 120 pp., 8 euro) è un libretto che racchiude i più significativi slogan rivoluzionari della storia dell’uomo: si va da Spartaco ai Clash, passando da Marx e Muhammad Alì, partendo da Gesù e arrivando a Bruce Springsteen. Quindi non vengono citati solo filosofi e politici, ma anche cantanti, sportivi, scrittori e personaggi di film diventati ormai cult. E il termine “rivoluzione” è da intendere nel senso più lato del termine, ovvero cambiamento radicale del mondo.

La rivoluzione in tasca. Da Gesù a Bruce Springsteen; Autore: AA.VV; 2012, 108 p., Il Nuovo Melangolo (collana Nugae)

La rivoluzione in tasca. Da Gesù a Bruce Springsteen; Autore: AA.VV; 2012, 108 p., Il Nuovo Melangolo (collana Nugae)

 

84. 2012  – Londra è un orologio

C’è un concerto del Boss a Hyde Park. E fin qui niente di nuovo. Il Boss è uno che ama stare sul palco, chiunque abbia avuto la fortuna di vederlo dal vivo ben lo sa, e Londra è la capitale della musica in quattro quarti, quindi è normale che tra i due ci sia buon feeling. Il Boss ama talmente stare sul palco che il suo ultimo tour mette in scena concerti ancora più lunghi che in precedenza, e qui scatta il problema. Sì, perché di problema si tratta. Infatti, per il gran finale, o qualcosa che avrebbe introdotto il pubblico del più importante parco londinese al gran finale, era in programma un duetto di quelli che solo a pensarli mette i brividi. Introducendolo con un plateale “erano cinquant’anni che aspettavo questo momento”, lui che di anni ne ha poco più di sessanta, Springsteen ha infatti accolto al suo fianco, e al fianco della E Street Band niente meno che Paul McCartney, e non dico altro. I due si guardano, si abbracciano e cominciano a eseguire una indiavolata versione di Twist and Shout, un classico che più classico non si può. Poche note e subito accade il fattaccio. Il solerte addetto del comune di cui sopra si accorge che il Boss ha sforato di brutto sull’orario previsto per la fine del concerto, e, come nel peggior incubo di ogni rockettaro che fa?, stacca la spina e lascia tutti al buio. Fine della storia. Fine della storia del rock, quantomeno. Figuriamoci il casino che succede tra il pubblico, civile, certo, ma sicuramente basito. E figuriamoci le polemiche sui social network il giorno dopo. Londra, la capitale del rock, non è più rock?, si chiedono in molti. Di colpo, si chiede anche Little Steven, chitarrista storico del rocker di Freehold, New Jersey, l’Inghilterra è diventata uno stato di polizia?

Niente di tutto questo, tranquilli, di troppa solerzia si tratta.

Disponibile anche in eBook 

Londra è un orologio

Londra è un orologio di Monina Michele – 2012 – Laurana Editore (collana Europe)

 

85. 2013  – E Street Shuffle – I giorni di gloria di Bruce Springsteen & the E Street Band

Il posto che Bruce Springsteen occupa nel pantheon del rock è frutto principalmente dei dischi e degli infuocati concerti fatti con la E Street Band negli anni Settanta e Ottanta. Incentrato su nuove interviste a compagni e colleghi di Springsteen, questa biografia di Clinton Heylin cattura il Boss nella fase classica della sua carriera, offrendo un vivace ritratto della sua ascesa da provinciale di Asbury Park a megastar internazionale. Heylin traccia con cura i progressi di Springsteen come songwriter e come performer, pedinando le prime svolte che condussero l’artista al fatale incontro con il mitico dirigente della Columbia John Hammond. Disseppellendo vario materiale d’archivio, registrazioni, bootleg, appunti della Sony, ci svela l’evoluzione del processo creativo di Springsteen, facendo luce sul ruolo del pianista/arrangiatore David Sancious e su quello di Little Stevie Van Zandt. Il ritratto di Bruce che emerge da queste pagine mostra un uomo determinato a rendere viva la sua visione d’autore, restando fedele alla sua musa anche a costo di frustrare la band e la casa discografica gettando via interi album di grandi canzoni. La narrazione ricca di sfumature di Heylin rivela il contrasto tra gli esaltanti concerti grazie ai quali la band è diventata leggendaria e i dischi di studio dalla cui difficile gestazione si evince l’ossessivo perfezionismo del loro creatore.

E Street Shuffle - I giorni di gloria di Bruce Springsteen & the E Street Band; di Clinton Heylin; traduz. di Marco Lascialfari; 2013; Editore: Arcana

E Street Shuffle – I giorni di gloria di Bruce Springsteen & the E Street Band; di Clinton Heylin; traduz. di Marco Lascialfari; 2013; Editore: Arcana

 

86. 2013  – A due voci

Twelve bars blues
‘A due voci’: sospinto dall’andamento blues, il contrappunto si snoda in immagini evocative, suggestioni sonore, spunti biografici e rilessioni personali. Canto e controcanto sono le voci delle autrici e quelle dei loro beniamini musicali ? Bruce Springsteen e gli U2 ? che le hanno ispirate nella stesura di questa originale composizione letteraria.

Laura Colombo e Iolanda Tassari insegnano rispettivamente musica e materie letterarie nella scuolasecondaria di primo grado. Dapprima colleghe e poi amiche e compagne di avventura, condividono, oltre alla grande passione per la musica, l’interesse per la pittura, per la natura con la sua fauna selvatica e per la cultura dei popoli nativi nord-americani. Entrambe vivono e lavorano a Milano.

A due vocidi Laura Colombo - Iolanda Tassari

A due voci
di Laura Colombo – Iolanda Tassari

 

87. 2013  – 41 COLPI, OMAGGIO ILLUSTRATO ALLA POETICA DI BRUCE SPRINGSTEEN

New York, 12 giugno 2000, a poche ore dal primo dei dieci concerti di Springsteen in programma al Madison Square Garden. Il rocker ha da poco composto la canzone “American Skin”, che parla dell’uccisione da parte delle forze dell’ordine dell’innocente, disarmato, incensurato Amadou Diallo, con 41 colpi di pistola. L’associazione dei poliziotti di New York e le autorità cittadine hanno fatto pressioni su Springsteen affinché non esegua la canzone, mentre tutti gli agenti sono stati invitati a boicottare il concerto. Come andranno le cose? A raccontarlo è proprio un poliziotto, un qualunque “Joe” che assomiglia davvero tanto al protagonista di una vecchia canzone di Nebraska. Egli sa che dalla scelta che Springsteen dovrà prendere di lì a poco – suonare o non suonare “American Skin” – dipendono tutti i suoi sogni e forse la sua stessa sopravvivenza.

fum

41 COLPI, OMAGGIO ILLUSTRATO ALLA POETICA DI BRUCE SPRINGSTEEN; di Marco Peroni e Riccardo Cecchetti; 2013; Editore: BeccoGiallo

 

88. 2013  – WE ARE ALIVE. RITRATTO DI BRUCE SPRINGSTEEN

E’ una microbiografia scritta da David Remnick per il “New Yorker” e pubblicata in Italia da Feltrinelli: un ritratto, un’evocazione, a tutto sesto, del personaggio a partire dal suo ultimo album e dal tour ad esso intitolato. Remnick gioca con sapienza tra presente e passato, fra l’armeggiare della band sul palco e l’infanzia a Freehold, fra la morte di Clarence e la scena provinciale di Asbury Park, fra il sostegno a Obama e il viaggio a New York in autobus. Lo guarda spendersi come vero animale da palco, tocca il delicato tema del padre, Doug, così presente nelle sue canzoni, celebra l’amicizia con Landau, fa cenno alla relativa tranquillità degli ultimi 20 anni insieme alla soglie Patti Scialfa. Sottolinea spesso il “duro lavoro” con cui Bruce si è guadagnato l’eternità, e, insieme, anche il tempo per leggere finalmente I fratelli Karamazov.

Autore: David Remnick Tradotto da: L. Colombati Editore: Feltrinelli Prezzo di copertina: € 9.00 Formato: Libro in brossura, illustrato Data di pubblicazione: 2013

WE ARE ALIVE. Ritratto di Bruce Springsteen, di David Remnick Tradotto da: L. Colombati; 2013; Editore: Feltrinelli

 
89. 2013 – BRUCE

Finalmente arriva nelle librerie italiane, pubblicata da Mondadori nella collana Ingrandimenti, la biografia di Bruce Springsteen scritta dal giornalista Peter Ames Carlin, uscita negli Stati Uniti lo scorso autunno.

Nonostante le innumerevoli iniziative editoriali dedicate a Springsteen, trattasi di un evento tanto atteso perché per la prima volta vengono rivelati dettagli molto intimi della vita dell’artista, come per esempio il periodo di depressione che coincise con l’album “Nebraska”. Perché dietro i centocinquanta milioni di dischi venduti, i dodici Grammy e l’Oscar per la migliore canzone, si nasconde un uomo con una storia che inizia da molto lontano. Carlin fa partire il racconto dalla morte di Virginia Springsteen, di soli cinque anni, sorella di Doug, il papà di Bruce, ed è un modo molto interessante per fare luce sui lati più tetri della famiglia in cui la futura rockstar è nata e cresciuta, covando rabbia, ribellione e quell’enorme voglia di riscatto cantata in tutti i suoi album degli anni Settanta. Da lì parte la rincorsa al grande Sogno Americano di un rocker puro e onesto come pochi, da quelle profonde ferite nascono le visioni di una Promised Land da cercare con tutte le proprie forze.

“Bruce” è un tomo di oltre 500 pagine che fa chiarezza su molte questioni e relega giustamente in secondo piano il lato più spettacolare della carriera di Springsteen, con sole cento pagine dedicate al successo planetario conquistato da Born In The USA in poi. In primo piano c’è sempre l’uomo Springsteen, con la sua integrità morale, con il suo rigore professionale, con il rifiuto delle droghe, con i suoi amori, la sua famiglia e il suo ego. E, ovviamente, con i componenti, uno per uno, della più leggendaria e rutilante macchina da guerra del rock’n’roll: la E Street Band.

Peter A. Carlin, Bruce, Mondadori, 515 pagine, 22 €.

BRUCE di Peter A. Carlin, Mondadori, 2013.

 
90. 2013 – WE WILL ROCK YOU(2° ED.)

Quando fui avvicinato dal rock, molti anni fa, fu attraverso la forza della parola, prima ancora che per la meraviglia del suono. E’ il 1978, ho 16 anni. Sono in macchina con amici. Una voce esce dalla radio e mi porta lontano. Non capisco, ma mi affascina e spero non finisca mai di parlare. Racconta di vestiti che svolazzano, di porte che sbattono, di visioni che danzano nel porticato mentre la radio trasmette Roy Orbison; davanti c’è una strada a due corsie che porta lontano, basta seguire la linea di mezzeria. Solo quando parte la musica, capisco che la voce sta giocando con i testi della canzone, sta costruendo una short story che prende l’avvio dalle liriche ma va da un’altra parte.(…)Ed è li, sull’armonica che benedice Thunder road di Bruce Springsteen, che io capisco due cose: che voglio fare questo da grande-essere una voce che racconta- e che la sublime grandezza della musica è raccontare storie.(…) Storie che ti restano dentro per sempre, che ti accompagnano per strada e che tieni in tasca come il più antico dei talismani.(…) In We Will Rock you ne racconto 709. Storie di canzoni di ogni genere e stile, anche se il rock ha il coltello dalla parte del manico.”

Disponibile anchein e-Book

Sono piccole e grandi storie come queste, che Massimo Cotto racconta in We Will Rock You: 709 storie su canzoni di ogni genere e stile. Belle, commoventi, vere, verosimili, folli, assurde, incredibili. Storie che ti restano dentro per sempre, che ti accompagnano per strada e che tieni in tasca come portafortuna. 709 storie per una compilation gigantesca da cui lasciarsi incuriosire, trascinare, incantare.

NZO

WE WILL ROCK YOU di Massimo Cotto, 2° ediz.; 2013; Mondadori

91. 2013 – LA RAGAZZA DEL JERSEY ( O QUASI…)

I pezzi e la poesia del Boss sono rintracciabili nei veri e propri ‘pellegrinaggi’ di Rosie, protagonista del libro che un giorno di luglio ha deciso di vivere davvero seguendo  il suo sogno che le insegnera’ soprattutto che se credi in qualcosa e non puoi far altro che assecondare il tuo desiderio, non importa a quale prezzo e con quali sacrifici. Cio’ che avrai in cambio sara’ quel “magico” che troppe volte ci scorre accanto senza che ce ne accorgiamo.

LA RAGAZZA DEL JERSEY di Laura Stellin

92. 2013 – Streets of fire. Bruce Springsteen. Fotografie e testi 1977-1979

Uno sguardo inedito sulla dimensione privata di Bruce Springsteen, un’immagine autentica del mito del rock dietro le quinte. Questo volume raccoglie oltre settanta scatti in bianco e nero del fotografo Eric Meola, i testi di Bruce Springsteen e un contributo della giornalista Joyce Millman. Eric Meola vide suonare Bruce Springsteen per la prima volta nel 1973, al leggendario Max’s Kansas City di New York. Iniziò a fotografarlo l’anno successivo, nel periodo appena precedente l’uscita dell’album con cui il Boss avrebbe sfondato nel mondo della musica, “Born to Run”. Fu proprio Meola l’autore dello scatto che compare sulla copertina del disco. Il fotografo continuò a seguire Springsteen negli anni successivi quando il cantante si avviava a diventare una grande rockstar. Dalla riscoperta di questi scatti è nata una preziosa collezione di immagini che mostra uno Springsteen ignoto al pubblico.

Streets of fire Bruce Springsteen, fotografie e testi 1977 – 1979 di Eric Meola - Adriano Salani Editore S.p.A. - 132 pagine - 2013

Streets of fire
Bruce Springsteen, fotografie e testi 1977 – 1979
di Eric Meola – Adriano Salani Editore S.p.A. –
132 pagine – 2013

93. 2013 – Our love is real

Dovunque passi Bruce, in Italia, è un trionfo: della musica, dell’ energia, della passione.

E dell’amore condiviso: il suo nei confronti dell’ Italia è ormai acclarato; quello del pubblico italiano verso il Boss è “autentico”, come si leggeva nella spettacolare coreografia allestita sulla tribuna si San Siro.

Con le splendide fotografie di Henry Ruggeri e Antonio Siringo, i testi appassionati di Vittorio Pio, arricchiti da vari contributi dei fan, ripercorriamo le emozioni di quattro concerti che rimarranno nella storia.

our-love-is-real

Our love is real. Bruce Springsteen in Italia di Henry Ruggeri e Vittorio Pio, Editore: Arcana, Ottobre 2013

 

94. 2014 – Il sogno e la realtà. Bruce Springsteen e l’America

L’opera consente al lettore di approfondire la straordinaria avventura umana e musicale del cantautore Bruce Springsteen che, attraverso il talento, la determinazione, il sacrificio e il continuo migliorarsi è riuscito a diventare una star di fama internazionale.Con i suoi testi poetici ha saputo mettere a nudo, come pochi altri artisti contemporanei, le molteplici contraddizioni e inquietudini di un’America in viaggio da secoli per trasformare in realtà il sogno dei Padri costituenti di fondare una nazione capace di coniugare il benessere con la giustizia. “Un bel posto dove nascere, un luogo che con le sue braccia ti avvolge, dove nessuno ti soffoca e nessuno ti lascia solo” (Long walk home).

Il sogno e la realtà. Bruce Springsteen e l’America di Aldo Tredici, editore Luglio (Trieste) – Gennaio 2014

Il sogno e la realtà. Bruce Springsteen e l’America
di Aldo Tredici, editore Luglio (Trieste) – Gennaio 2014

 

95. 2014 – Bruce Springsteen e le donne. She’s the one

“A volte sembra che vagare per il mondo col cuore arido sia il tuo destino ma anche se la realtà può renderti duro e insensibile, c’è una cosa che ho imparato: se pensi di avere il cuore di pietra e di essere così duro da sconfiggere questo mondo da solo, non troverai mai pace. Per questo continuerò a cercare finché troverò la ragazza giusta per me. Two Hearts Musica e donne, canzoni e storie d’amore: due universi paralleli che nell’opera di Bruce Springsteen si fondono e danno vita a un mosaico complesso, ricco di sfumature, di valori, di immagini, che merita di essere raccontato: la donna vista come una presenza fondamentale, come conditio sine qua non, come elemento imprescindibile nella vita, nell’arte e nella musica. Sono questi i motivi che hanno spinto Springsteen a mettere la donna sempre al centro della sua opera fin dall’inizio della sua carriera. Attraverso l’analisi di alcune delle canzoni di un repertorio immenso, Patrizia De Rossi posa il suo sguardo femminile sui testi di Bruce Springsteen raccontando in maniera inconsueta e particolare un altro lato dell’artista americano. Dalla Mary di Thunder Road che scappa dalla città dei perdenti in cerca di una nuova vita, alla madre disperata di American Skin, dalla redentrice di Living Proof alla femme fatale di I’m on Fire, sono tante le figure femminili che animano le canzoni del rocker del New Jersey e tutte confluiscono in quella Jersey Girl che da più di trent’anni è al suo fianco.”

patrizia de rossi

Bruce Springsteen e le donne. She’s the one
di Patrizia De Rossi – Imprimatur Editore, 2014

 

96. 2014 – Otto note d’amore – Racconti

In questa raccolta di racconti, a cura di Rossella Martinelli, la musica di Bruce Springsteen diventa la colonna sonora del racconto di Valerio Bruner. La canzone è “Frankie”, che fa da cornice ad una storia d’amore raccontata attraverso i flashback di un protagonista la cui vita è un intreccio tra i più felici ricordi e la più amara delle realtà. Un racconto in cui l’immaginario romantico del primo Springsteen si mescola ad un’atmosfera malinconica che sa di amaro risveglio.

8 NOTE D'AMORE a cura di Rossella Martielli - editore Florestano - 2013

8 NOTE D’AMORE a cura di Rossella Martielli –
editore Florestano – 2013

 

97. 2014 – Vado da Francesco

Padre Enzo Fortunato dirige la sala stampa del sacro convento di Assisi. Da quell’osservatorio privilegiato ha potuto osservare i molti, moltissimi che si sono avvicinati alla basilica per rendere omaggio a san Francesco. E così ci racconta della visita notturna di Springsteen, dello sguardo ammirato del boss per “questa basilica affrescata con i colori della resurrezione”, della rilevanza diplomatica di quella di Arafat, della devozione di don Oreste Benzi per il santo che amava i poveri. Ad Assisi è tornato più volte papa Giovanni Paolo II e papa Francesco vi ha appena fatto visita, a sottolineare quella connessione che da sempre lega il pontificato ad Assisi e alla sua basilica, uno dei luoghi simbolo della cristianità.

7 Ottobre 2006. Apertura fuori programma alla Basilica di Assisi: il visitatore “straordinario” era Bruce Springsteen, che si è fermato per un’ora, attorno alla mezzanotte, nella chiesa, informandosi sugli affreschi di Giotto e sul significato della spiritualità francescana, e ricevendo in dono il libro per i 750 anni della fondazione della basilica. Nel libro c’é lo stupore della rockstar Bruce Springsteen: ”Questa Basilica ha i colori della Resurrezione”

Libro Vado da Francesco

Vado da Francesco di Enzo Fortunato – Mondadori – 2014

 

98. 2014 – Radio Libertà

Si intitola “Radio libertà. Dalla radio della Resistenza alla resistenza della radio” (Vololibero, 2013) il saggio che Michele Anelli dedica a genesi-sviluppo-sopravvivenza delle radio come mezzo di comunicazione pregnante e mai titolo è suonato più opportuno. Si parte da lontano, dai fuochi della guerra del novecentoquarantaquattro, da quando sulle note di “Fischia il vento”, l’emittente partigiana “Radio Libertà” diventa simbolo di lotta di liberazione. Si va avanti col tempo e nel tempo, con le epigoni della controinformazione e della musica ribelle anni Settanta, i loro nomi sono altrettante leggende: Radio Alice, Radio Onda Rossa, Radio Aut (quella di Peppino Impastato), Radio Popolare, sacche resistenziali contro l’informazione ingessata/omologata – tra una canzone di Lolli e una di De Andrè, Springsteen, Finardi, Dylan, i Clash -, insofferente ai diktat del marketing: notizie, canzoni e consapevolezza al prezzo di uno, ancora un volta, una volta di più, sotto la bandiera della libertà (la sola degna di garrire davvero). Stavolta non  è un libro monotematico su Springsteen, ma un’articolata ricerca che, partendo dai canti delle Resistenza arriva anche a Springsteen.

Michele Anelli, Radio Libertà. Dalla radio della Resistenza alla resistenza della radio, Vololibero Edizioni

Radio Libertà. Dalla radio della Resistenza alla resistenza della radio di Michele Anelli –  Vololibero Edizioni – 2013

 

99. 2014 – Bruce Springsteen talks. Interviste e narrazioni 1973-2013

Una raccolta delle più importanti interviste del “Boss”, dai primi anni Settanta a oggi.

Bruce Springsteen talks. Interviste e narrazioni 1973-2013 - Curatore T. Clarke - Editore Blues Brothers - 2014

Bruce Springsteen talks. Interviste e narrazioni 1973-2013 – Curatore T. Clarke – Editore Blues Brothers – 2014

 

100. 2014 – Born with the U.S.A.

Il 4 giugno 1984 nei negozi di dischi appariva Born in the U.S.A., il disco che ha trasformato Bruce Springsteen da rocker a rockstar. A trent’anni (meno un giorno) di distanza, e con tutte le più che debite proporzioni, segnalo su Amazon.it un mio racconto: Born with the U.S.A. – Gli anni Ottanta, Springsteen e un ragazzino di dodici anni. (Questo il link per chi voglia acquistarlo). Ecci alcuni punti per spiegare di cosa si tratta.
– Cominciamo da cosa NON è: un saggio di critica e analisi musicale. Su Born in the U.S.A. è stato detto e scritto molto, e credo ci sia ben poco da aggiungere.
– Nemmeno è narrativa tout court, un racconto come lo sono quelli – inarrivabili – di Carver o Hemingway.
– È invece un racconto, in 40 pagine, nato quasi di getto ascoltando il podcast di un programma di Luca De Gennaro dedicato, ovviamente, al disco. Lavavo i piatti, ne ascoltavo le canzoni e le chiose di De Gennaro e, all’improvviso, ho visto scorrermi davanti una storia da raccontare.

Born with the U.S.A. di Igor Principe - Formato Kindle - Amazon Media EU S.à r.l. - 2014

Born with the U.S.A. di Igor Principe – Formato Kindle – Amazon Media EU S.à r.l. – 2014

 

101. 2014 – Springsteen Album per Album

Quarant’anni fa, il critico musicale Jon Landau dichiarò: “Ho visto il futuro del rock and roll e il suo nome è Bruce Springsteen”. La successiva carriera del Boss, i suoi diciotto album in studio, le canzoni iconiche, le folle di fan ai concerti delle tournée mondiali hanno confermato la previsione. Nato il 23 settembre 1949 a Long Branch, nel New Jersey, Springsteen è cresciuto in una famiglia della classe operaia dove la vita non era sempre facile, un background che ha formato la sua visione politica e che permea molte delle sue canzoni. Alla fine degli anni Sessanta, dopo essersi costruito una fama di esuberante performer suonando nel Jersey Shore, firmò il contratto per l’album d’esordio: “Greetings from Asbury Park, N. J.”, uscito nel 1973. “Greetings” e il suo seguito, “The Wild, the Innocent & the E Street Shuffle”, nonostante le ottime recensioni, non ottennero il successo sperato. Nel 1975, giunto a un bivio della sua carriera, Springsteen fece uscire “Born to Run” che, secondo le sue parole, introduceva “i personaggi le cui vite avrei tratteggiato nella mia opera per decenni”. L’album conquistò il terzo posto nella classifica di “Billboard” e lo lanciò nel firmamento delle rockstar. “Darkness on the Edge of Town”, distribuito nel 1978, segnò una svolta verso toni più cupi, uno stile che avrebbe caratterizzato anche i successivi “The River” (1980) e “Nebraska”(1982). Nel 1984, con “Born in the U.S.A.”, Springsteen diventò una superstar globale… Prefazione di Peter Ames Carlin.

Springsteen. Album per album di Ryan White - G. Lupieri (Traduttore) - Rizzoli - 2014

Springsteen. Album per album di Ryan White – G. Lupieri (Traduttore) – Rizzoli – 2014

 

102. 2014 – Long Playing Bruce Springsteen

Disponibile in eBook ed iBook il capitolo su Springsteen tratto dal secondo volume (lato B) di Long Playing. 

Long Playing Bruce Springsteen è l’anteprima del capitolo su Bruce Springsteen del secondo volume del libro “Long Playing, una storia del Rock”, non ancora disponibile. È invece disponibile il primo volume, Long Playing, una storia del Rock, anni 60 e dintorni. Long Playing Bruce Springsteen è la storia del musicista che recuperò il rock’n’roll, il significato dimenticato del rock delle canzoni di tre minuti stampate sui due lati dei 45 giri. La storia dell’uomo che volle farsi Boss.

Fra gli anni settanta ed ottanta Blue Bottazzi era un giovane cronista nel Mucchio Selvaggio, la più autorevole rivista italiana di musica rock, dove si ritagliò un seguito con lunghi epici articoli su Springsteen, Tom Petty, DeVille, Graham Parker, Greg Kihn e molti altri. Proprio a Bruce Springsteen, ed agli articoli che scrisse su di lui, deve la benevolenza che i lettori gli tributano da allora. È l’autore dei libri rock Long Playing, una storia del rock, e Perché non lo facciamo per la strada.
Troppo stonato per poter diventare un musicista, anglofilo, motociclista vintage in giacca di pelle, vive a Woodstock Valtrebbia, si definisce cronista musicale e adora il rock e il jazz. Amazon.it

Potrai iniziare a leggere Long Playing Bruce Springsteen sul tuo Kindle tra meno di un minuto. Non possiedi un Kindle? Scopri Kindle Oppure inizia subito a leggere con un’applicazione di lettura Kindle gratuita.

Long Playing Bruce Springsteen di Blue Bottazzi -

Long Playing Bruce Springsteen di Blue Bottazzi – Formato Kindle – Amazon Media EU S.à r.l. – 2014

 

103. 2015 – A proposito di un sogno. Le più belle interviste a Bruce Springsteen

Energico e poetico interprete della grande tradizione narrativa americana, Bruce Springsteen ha lasciato una traccia profonda nella storia del rock per la straordinaria capacità di raccontare con le sue canzoni storie, personaggi, ambienti. E anche quando ha rivolto l’attenzione su di sé e sulla propria vita ha sempre preferito affidare le sue idee ai dischi, più che intrattenersi con i media. Ma ogni volta che ha concesso un’intervista, il risultato è stato sorprendente, per il coraggio con cui ha rivelato al grande pubblico il tormentato mondo interiore di un artista che non smette di interrogarsi sul proprio ruolo nella società, sul rapporto con i “ragazzi” della E Street Band, sul legame “familiare” con la fedele e nutrita comunità dei suoi fan e sulla profonda contraddizione che si è aperta oggi fra realtà statunitense e “sogno americano”. In questa ampia raccolta di interviste rilasciate nell’arco della sua ormai ultraquarantennale carriera, Springsteen ripercorre il suo laborioso processo di formazione personale e artistica, strettamente intrecciato a passaggi cruciali della storia americana della seconda metà del secolo scorso. In contrasto con lo stereotipo del rocker naif, grezzo se non addirittura superficiale e ambizioso, Springsteen si dimostra musicista di spessore, lucido e coerente, con una forte tensione morale e politica, perfettamente consapevole delle proprie responsabilità nei confronti del pubblico e delle trappole insite nell’industria musicale e nella cultura del successo.

A proposito di un sogno

A proposito di un sogno. Le più belle interviste a Bruce Springsteen – Phillipps C.; Masur L. P. – Mondadori – 2015

 

104. 2015 – Bruce Springsteen. Spiriti nella notte

Una biografia a fumetti di Bruce Springsteen, il boss della musica rock, una cavalcata attraverso la sua vita, i suoi successi e i suoi momenti bui. La penna di Marco d’Angelo ed il tratto di Fabrizio di Nicola ci accompagnano in una scorrazzata attraverso le strade del New Jersey, tra corse automobilistiche e locali fumosi.

Bruce Springsteen. Spiriti nella notte - D'Angelo Marco; Di Nicola Fabrizio - Nicola Pesce Editore - 2015

Bruce Springsteen. Spiriti nella notte –
D’Angelo Marco; Di Nicola Fabrizio – Nicola Pesce Editore – 2015

 

105. 2015 – Backstage Pass – Sulla strada con il Good Doctor

Paolo Vites, giornalista musicale da circa 25 anni, ne ha visti di concerti. Dai primi, a fine anni 70, quando la musica dal vivo tornò a essere celebrata dopo una stagione di molotov e autoriduzioni, a oggi. Dagli stadi ai piccoli club, dalle capitali europee ai paesini della provincia, da Bruce Springsteen agli esordienti, spesso con incontri backstage e avventure degne di un Hunter Thompson. Ecco perché il libro si intitola “Sulla strada con il Good Doctor”, in tributo al grande maestro del giornalismo gonzo. Ma anche perché questo libro è il seguito ideale di quello pubblicato con grande riscontro di critica e lettori quattro anni fa, “Un sentiero per le stelle – Sulla strada con Bob Dylan” (Pacini Editore), interamente dedicato quello ai concerti del cantautore americano.
Perché Paolo Vites pur amando la musica come una religione – le canzoni sono le mie preghiere dice spesso – mantiene un tono ironico, mai accademico, spesso autocritico per raccontare la musica che ama.

Backstage Pass

Backstage Pass: Sulla strada con The Good Doctor Copertina flessibile – di Paolo Vites – Editore: Paolo Vites – 2015

 

106. 2015 – Like a Vision. Bruce Springteen e il Cinema

La produzione artistica di Bruce Springsteen e il cinema sono indissolubilmente legati da un vincolo che è contemporaneamente concettuale, stilistico e di mutua collaborazione.Il volume è una cronaca visiva di questo proficuo sodalizio attraverso le tracce dell’artista che sono contenute in pellicole cinematografiche, i motivi e le suggestioni che hanno contaminato l’immaginario dell’artista e, soprattutto, la struttura cinematografica, strettamente narrativa, della quale testi e arrangiamenti di “The Boss” si compongono. Il volume, scritto da Gianni Scognamiglio e Paola Jappelli, è introdotto da scritti di Blu Bottazzi, Carlo Massarini e Mauro Zambellini. Corredato da riproduzioni di locandine cinematografiche, immagini fotografiche, tavole riassuntive e note esplicative, questo libro vuole porsi come un agile strumento di studio e di consultazione sia per chi voglia approfondire l’ambito specifico sia, più in generale, per studiosi e collezionisti che intendano indagare aspetti ancora poco noti nella sterminata bibliografia dedicata a Bruce Springsteen.

btx Copertina Stampata

Like a Vision. Bruce Springteen e il Cinema – Jappelli Paola; Scognamiglio Giovanni – Graus Editore – 2015

 

107. 2016 – Bruce Springsteen, I dischi – la storia

eBook Bruce Springsteen, I dischi - la storia di Mazzi Lucio - Editore: GOODmood - 2016

eBook – Bruce Springsteen, I dischi – la storia di Mazzi Lucio – Editore: GOODmood – 2016

 A chi è dedicata questa collana? A chi ha spesso sentito parlare di un certo artista o di un certo genere musicale ma non lo conosce perfettamente. A chi non è interessato a biografie “vita morte e miracoli” e a noiosi trattati su un genere o un altro, ma unicamente a ciò che in ambito musicale conta davvero: la musica.
Queste opere presentano infatti la recensione di tutti gli album di un artista o i più rappresentativi di un certo genere musicale o di un periodo storico (ad esempio i cantautori degli anni ’70, il beat italiano, il progressive rock, ecc.); i testi sono firmati dal critico musicale Lucio Mazzi.
Di fatto una completa storia artistica ma anche, e soprattutto, una precisa indicazione di ascolto per conoscere davvero ciò di cui si è solo sentito parlare.
In questo ebook: Bruce Springsteen – i dischi la storia.
Disponibile anche in formato audiobook.

108. 2016 – I jeans di Bruce Springsteen e altri sogni americani

I-jeans-di-Bruce-Springsteen-cover-768x1163

I jeans di Bruce Springsteen e altri sogni americani – di Silvia Pareschi – Giunti Editore – 2016

In questo libro, misto di memoir, reportage e fiction spesso esilarante e mai banale, vengono narrati alcuni aspetti meno noti e forse per questo particolarmente rappresentativi di una nazione vasta come un continente, di infinite coste, di montagne, di città, di genti e radicata nell’immaginario di tutti, ancora di più, forse, in quello di coloro che non ci sono mai stati. Tenendosi sempre lontana dal cliché dell’”italiana all’estero”, l’autrice spazia dalla wilderness californiana al Palazzo del Porno di San Francisco, da una carrellata sulle religioni americane che comprende le danze estatiche degli Shakers e un ordine di uomini barbuti travestiti da suore, all’avvincente storia di una coppia rimasta bloccata a New Orleans durante l’uragano Katrina, a un viaggio coast-to-coast in Greyhound fino al New Jersey, e al fortuito ritrovamento di un paio di jeans che, forse, appartennero a Bruce Springsteen… Silvia Pareschi, che ha dato le parole della nostra lingua alla voce di molti dei più grandi scrittori americani contemporanei, questa volta racconta con la sua voce lo stupore e l’ammirazione, il coinvolgimento ma anche lo sconcerto, il disinganno e il distacco di una ragazza prima, di una donna, poi, di fronte alla terra che perlomeno da un secolo si è imposta come la più grande generatrice di miti, di follie e di sogni dell’intero Occidente.

 

109. 2016 – Springsteen in classe. Spunti didattici a partire dalle canzoni del Boss

Springsteen in classe. Spunti didattici a partire dalle canzoni del Boss – 12 mag 2016 di Andrea Monda - Editore: EMI

Springsteen in classe. Spunti didattici a partire dalle canzoni del Boss – di Andrea Monda – Editore: EMI – 2016

(Editrice Missionaria Italiana) è il libro di Andrea Monda che racconta la storia, la vita e la musica di Bruce Springsteen e porta la prefazione di Antonio Spadaro direttore de La Civiltà Cattolica.
Si rivolge ad insegnanti ed educatori ed esplora il vasto universo poetico e musicale del “Boss”.
L’autore – insegnante, scrittore e conduttore del popolare reality «Buongiorno professore!» su TV2000 –  offre molti spunti didattici a partire dai testi del cantautore del New Jersey, mettendo in luce le influenze letterarie, storiche e religiose presenti nella sua vasta produzione. Si scopre così che l’educazione cattolica ricevuta da Springsteen ha avuto un forte impatto sulla sua poetica, con testi spesso dedicati agli ultimi, ai migranti, ai perdenti della società americana.
Dalla Bibbia alla letteratura statunitense, le opere di Springsteen sono dure, severe, d’impatto in cui Monda intravede una forte utilità didattica: a geografia, la storia americana – soprattutto contemporanea –, la letteratura e la religione.
Come sottolinea padre Antonio Spadaro nella prefazione, le pagine di Springsteen in classe «raccolgono tutto il calore dell’esistenza cantata dal Boss e ne illustrano con competenza ed efficacia l’intelligenza e la passione».

110. 2016 – Bruce Springsteen. Tutte le canzoni

Bruce Springsteen. Tutte le canzoni - 22 giu 2016 -di Paolo Giovanazzi - Giunti Editore

Bruce Springsteen. Tutte le canzoni – di Paolo Giovanazzi – Giunti Editore – 2016

Questo libro si prende cura di tutte le canzoni di Bruce Springsteen ufficialmente edite nel corso della sua carriera, iniziata nel 1973 con Greetings from Asbury Parke e non ancora conclusa. Raccontando per esteso la genesi, la storia, la fortuna o sfortuna di tutte le canzoni, con aneddoti poco raccontati e, soprattutto, con le dichiarazioni dei protagonisti, siano Bruce, il suo storico produttore Jon Landau o i membri della E Street Band. Una carrellata lungo la storia di Springsteen, dai primi passi sulla scena musicale ai capolavori giovanili di Born To Run e The River, dai misteri di Nebraska alle polemiche di Born In The USA, fino alle opere della maturità dove più stretto è il nodo con il patrimonio della tradizione.

111. 2016 – Bruce Springsteen Live

Bruce Springsteen Live - di T. Clarke - Editore Kaos - 2016

Bruce Springsteen Live – 13 mag 2016 – di T. Clarke – Editore Kaos

“Durante lo scorso inverno ho scritto come un matto. Dovevo farlo. Non avevo un soldo, nessun posto dove andare, nient’altro da fare. Non conoscevo molte persone. Faceva freddo, e così scrivevo parecchio – e se non lo facevo mi sentivo in colpa. Un tremendo senso di colpa, come se mi fossi masturbato. Terribile!” (1972). “Penso spesso a Elvis Presley e a tutto quello che gli è capitato. Le richieste che questa professione ti fa sono davvero irragionevoli. È veramente strano andare là fuori e avere a che fare con persone che ti considerano come una specie di Babbo Natale o di uovo di Pasqua” (1985). “Ero infelice. I miei rapporti sentimentali finivano sempre male – non riuscivo ad avere una relazione con una donna. E poi non capivo perché ero così pieno di soldi e non sapevo come spenderli… Per un po’ me la sono passata davvero male. Finché mi sono reso conto che la mia vera vita aspettava ancora di essere vissuta: l’amore, il dolore, la speranza, la tristezza…” (1992). “Da ragazzo appartenevo a quella che si può chiamare controcultura, anche se forse io ne rappresentavo la parte più moderata – non ho mai fatto uso di droghe. D’altronde vivevo in una piccola cittadina, dove c’erano dei divieti praticamente su tutto” (1999) “Il fatto di aver compiuto 66 anni non mi è sembrato così bello. Devi semplicemente esserne consapevole e andare avanti. Cos’altro puoi fare?” (2016)

112. 2016 – Da Randolph Street al Nebraska – Il mio viaggio con Bruce Springsteen

Da Randolph Street al Nebraska - Il mio viaggio con Bruce Springsteen

Da Randolph Street al Nebraska – Il mio viaggio con Bruce Springsteen – di Andrea Volpin – Editore: Pagine In Movimento – 2016

Un libro che  racconta Springsteen e le sue canzoni attraverso un diario di viaggio che parte da Randolph Street, dove è nato e dove sono cresciuti i suoi sogni, per arrivare in Nebraska, immagine dell’America più quieta, dagli ampi paesaggi in cui l’uomo è solo un dettaglio della natura. Il romanzo ha tre filoni che interagiscono, autobiografico, narrativo, cinematografico: la vita di Springsteen è narrata idealmente da lui e da uno dei tanti personaggi protagonisti delle sue canzoni, che si sente un po’ regista del libro che sta scrivendo. La prima parte è dedicata ad un’analisi delle canzoni dal 1971 al 1982, che per Andrea Volpin è il periodo di massima espressione musicale del Boss, il punto più alto della sua poetica. Da Family Song, una canzone scritta e mai pubblicata del 1971, passando per Born To Run, Something In The Night o Independence Day. Canzoni che aprono la strada all’analisi delle canzoni di Nebraska (tutte e dieci). Nella seconda parte del libro si analizzano alcuni testi, come Born In The USA o The Ghost Of Toam Joad che riprendono i temi di Nebraska ma modificano di fatto il punto di vista di chi le scrive e di chi le vive. Il tutto condito da una attenzione particolare alle atmosfere, dalle vie della piccola Freehold ai paesaggi sconfinati del Nebraska, in una crescita progressiva del personaggio e della sua musica, con la trasformazione da “cantante per la gente” a “cantante della gente”. Molto di più dunque di una biografia, un vero e proprio viaggio nell’America più vera guidati dalle parole del cantante che di questa America è forse il cantore più amato.

113. 2016 – He’s The One – Photobook

he

He’s The One – di Giovanni Canitano e Paolo Di Pietro – Editore – 2016

He’s the one è un monumentale libro di 250 pagine che raccoglie circa 300 foto scattate durante gli ultimi tour europei di Bruce Springsteen tra il 2012 e il 2016 che riesce a farci rivivere- cosa nient’affatto semplice- le intense emozioni vissute  durante i suoi leggendari concerti. A realizzarlo sono stati Giovanni Canitano, uno dei più celebri fotografi musicali italiani, e un fotografo aquilano, Paolo Di Pietro che in una interessante intervista per NewsTown spiega come è nata l’idea di questo volume.  Le spettacolari immagini, corredate di racconti scritti da firme autorevoli come Ernesto Assante, Gino Castaldo, Leonardo Colombati, Carlo Massarini, Ermanno Labianca, Paolo Zaccagnini –  raccontano il mito dello Springsteen performer e dalla sua  altrettanto mitica E Street Band ma anche – come ha scritto Ernesto Assante recensendo il libro su La Repubblica –  la liturgia springsteeniana, “i particolari, gli attimi, quelle “piccole cose” che ogni spettatore cattura per proprio conto con lo sguardo e che rendono ogni concerto “unico” per ogni singolo partecipante. Raccontano le gocce di sudore e i sorrisi, gli sguardi e i gesti, la folla con le braccia alzate e Springsteen che condivide con tutti la sua energia, in una straordinaria festa pagana della vita, che non esclude nessuno, che non lascia nessuno indietro”.

Il bellissimo volume, imperdibile soprattutto per noi fans e per il mercato dei collezionisti,  è stampato in tiratura limitata e le prime mille copie sono già prenotabili sul sito www.heistheone.net

114. 2016 – Outlaw Pete

Outlaw Pete di Bruce Springsteen, Frank Caruso - Editore: Mondadori - 2016

Outlaw Pete di Bruce Springsteen, Frank Caruso – Editore: Mondadori – 2016

Da bambino, Bruce Springsteen ascoltava dalla voce della madre Brave Cowboy Bill, la storia di un piccolo cowboy puro di cuore. Era il suo primo contatto con il mondo del West, una passione che oggi lo porta ad amare i film di John Ford, la musica messicana e l’arte degli Indiani d’America. Da ciascuna di queste fonti, così come dalla vita e dal rock, che gli hanno insegnato a fondere fantasia e saggezza, nasce Outlaw Pete, leggenda moderna di un criminale che inizia a rapinare banche con il pannolino per poi conoscere tutte le asperità dell’età adulta. È una delle storie più ambiziose e originali mai scritte da Springsteen: in otto minuti, una meditazione sul destino epica e dura, piena di paradossi eppure mai farsesca. È un dramma musicale articolato, un arazzo in cui si intrecciano svariati stili rock e un’orchestrazione memore delle colonne sonore di Morricone.

115. 2016 – Born to Tun – L’autobiografia

Autobiografia

Born To Run – Bruce Springsteen – Traduttore: M. Piumini – Editore: Mondadori – 2016

Bruce Springsteen ha lavorato alla sua autobiografia nel corso degli ultimi sette anni, iniziando nel 2009, dopo lo show con la E Street Band durante il Super Bowl.

In Born to Run Springsteen racconta la sua giovinezza a Freehold, nel New Jersey, tra “poesia, pericolo e buio”, elementi che hanno alimentato la sua immaginazione. Descrive con estrema intensità lo slancio e il bisogno che l’hanno portato a diventare un musicista, i suoi esordi nei bar ad Asbury Park e l’ascesa della E Street Band. Con candore disarmante racconta anche per la prima volta la storia delle sue personali lotte, che hanno ispirato i suoi pezzi più belli e spiega come la canzone “Born to Run” riveli molto di più di quello che abbiamo sempre pensato.

«Scrivere di se stessi è una cosa curiosa», dice Springsteen nel suo libro. «Ma in un progetto come questo lo scrittore fa una sola promessa, quella di svelare al lettore la propria mente. È quello che ho cercato di fare in queste pagine».

«Siamo molto fieri di essere gli editori italiani di Born to Run», dice Alberto Gelsumini, responsabile editoriale della Varia Mondadori Libri, «un’autobiografia ben scritta, accurata ed esaustiva, che copre ogni momento significativo della vita e della carriera del Boss. Ciascuna pagina ha il suono di una canzone e il libro nel suo complesso ha il ritmo e la potenza di un concerto rock. Una lettura imperdibile per i fan di Springsteen

116. 2016 – Tramps Like Us – Noi & Bruce – Storie di passiono rock

tramps-like-us

Tramps Like Us – Noi & Bruce – Storie di passiono rock – a cura di Paolo Pagnini – Il mio libro – 2016

Il rapporto con Bruce Springsteen è qualcosa che ognuno dei suoi fans tende a considerare come esclusivo e personale. In questo libro, nato come sviluppo editoriale del gruppo facebook “Noi & Bruce” aperto da Paolo Pagnini dopo i concerti di San Siro 2016, trentasei autori raccontano l’emozione di un rapporto unico e indissolubile con quello che i fans considerano molto di più di una delle rockstar più famose ed acclamate del mondo.

117. 2016 – Bruce Springsteen and the E Street Band – La storia illustrata

Bruce Springsteen and the E Street Band - La storia illustrata - Autore: Gaar Gillian G. - Editore: Il Castello - 2016

Bruce Springsteen and the E Street Band – La storia illustrata – Autore: Gaar Gillian G. – Editore: Il Castello – 2016

Bruce Springsteen è una rock star capace di riempire gli stadi, ma al tempo stesso è un artista ben più nobile e ricco di sfumature di quanto la definizione potrebbe lasciar intendere. È un uomo del popolo, e fa un rock’n’roll decisamente popolare, centrato sui temi e sui piaceri della gente che lavora. In più, ha saputo creare un repertorio assolutamente accessibile. Niente di tutto ciò avrebbe naturalmente importanza se Springsteen fosse un talento mediocre. Invece, è un grande cantautore. Il suo segreto nasce dal fatto che, intriso com’è di musica popolare post-Elvis (è uno degli ultimi veri adepti del rock ‘n’roll), ha profonda consapevolezza dell’alchimia rock. Dall’adorabile e sbilenco romanzo di formazione di Growin’ Up, al ruggente inno dei perdenti di Born to Run, dalla dolente analisi delle miserie dei lavoratori del seppiato The River, fino al gioioso rifiuto di arrendersi alla disperazione e alla povertà di Sherry Darling, dal nodoso dramma in stile Bonnie & Clyde di Atlantic City, fino allo smascheramento di certe fantasie fuorilegge di Glory Days, Springsteen ha sempre dimostrato di sapere quali leve azionare per creare un brano classico. E non dimentichiamo: è anche una delle rock star che ha venduto di più, con una stima di 120 milioni di album venduti in tutto il mondo. Quest’analisi della vita e della musica di Springsteen vuol essere un’esplorazione ad ampio raggio del suo talento.


6 Risposte to “La bibliografia italiana su Bruce Springsteen”

  1. Hello There. I found your weblog the use of msn. That is a very well written
    article. I’ll be sure to bookmark it and come back to read extra of your helpful info. Thank you for the post. I will definitely return.

    Mi piace

  2. […] BRUCE SPRINGSTEEN IN LIBRERIA Share this:CondivisioneFacebookLike this:LikeBe the first to like this post. […]

    Mi piace

  3. http://www.fnacblog.it/2011/03/stefano-armani-wrecking-ball-social-contest/ please go in this site and press “i like”….nothing else!!!! thank you so much!!!

    Mi piace

  4. mi faresti un favore? ti spiace mettere un “mi piace” al seguente link per favore? http://www.fnacblog.it/2011/03/stefano-armani-wrecking-ball-social-contest/ non è un virus, solo un concorso fotografico! spargete la voce a più possibili!!! grazie

    Mi piace

  5. los felicito es una recopilacion con arduo trabajo estoy segurisima. gracias por compartirlo

    Mi piace

    • honrado por su amistad. gracias

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: